Attualità Palermo

Sicilia, morto cardiochirurgo che operò Pertini, Madre Teresa e Wojtyla

Bino Marino

Morto il cardiochirurgo Bino Marino: famoso nel mondo, operò Pertini e Madre Teresa

Palermo - "Fare il medico? E' una questione di cuore", aveva raccontato di recente in una lunga intervista ad un periodico. Per oltre cinquant'anni in sala operatoria a salvare vite. Una carriera costellata da successi e riconoscimenti, quella di Bino Marino, noto cardiochirurgo, originario della provincia di Agrigento. Nato a Porto Empedocle, si è spento all'età di 87 anni in ospedale a Palermo. Dopo avere avviato i primi passi in Sicilia si era trasferito a Roma, ma non aveva mai spezzato le radici con la sua amata terra. Professore della Cattedra di cardiochirurgia al Policlinico Umberto I di Roma, è stato il fondatore della Cardiochirurgia di Catania.

Tra i suoi pazienti illustri celebrità, come Madre Teresa di Calcutta e il presidente della Repubblica, Sandro Pertini, papa Giovanni Paolo II ed il leader palestinese Yasser Arafat. Non si contano le volte in cui ha assistito Marco Pannella nei suoi innumerevoli scioperi della fame e durante i suoi ricoveri presso il reparto di Cardiochirurgia del Policlinico Umberto I di Roma. E la sua professione lo ha spinto a stringere amicizia con Christiaan Barnard (nella foto, a destra), chirurgo e accademico sudafricano, assurto a fama mondiale per aver praticato il primo trapianto di cuore della storia della medicina. Non è un caso che e' stato proprio Bino Marino il primo in Italia a praticare un trapianto di cuore su una bimba di 4 anni. I funerali si terranno a Palermo lunedì, alle 8.30, nella chiesa Santa Silvia, a Cardillo.


© Riproduzione riservata