Economia Energia

Bollette troppo care: indagate 13 società, tra cui l’Enel

Poca trasparenza sui prezzi di luce e gas

Bollette troppo care: indagate 13 società, tra cui l’Enel

Clausole microscopiche e di difficile decifrazione, oneri di commercializzazione non indicati o semplicemente inesistenti, e penali esagerate addebitate in caso di recesso. I conti non tornano al Garante della concorrenza e del mercato, che ha avviato 13 procedimenti istruttori nei confronti di altrettante società fornitrici di energia: Enel, Optima, Green Network, Illumia, Wekiwi, Sentra, Olimpia-Gruppo Sinergy, Gasway, Dolomiti Energia, E.On, Axpo, Audax, Argos. Nel mirino dell’Antitrust, la mancanza di trasparenza e chiarezza delle condizioni economiche di fornitura di energia elettrica e gas sul mercato libero.

Nei contratti e nelle offerte promozionali, in sostanza, gli utenti non sarebbero informati adeguatamente delle varie voci di spesa e dei conguagli aggiunti al costo della sola energia, con relativa (brutta) sorpresa quando arriva il bollettino da saldare. Gli ispettori ministeriali sospettano che tali pratiche ingannevoli, o comunque poco limpide, gonfino i costi e contrastino con il Codice del consumo. 


© Riproduzione riservata