Attualità

Mobilità: nodo intermodale metro-ferrovia-aeroporto Catania

Mobilità: nodo intermodale metro-ferrovia-aeroporto Catania

CATANIA, 17 OTT A Catania nella zona dell'aeroporto in un'unica stazione interrata sarà possibile scendere da un treno e prendere la metropolitana, e viceversa.
    E' quanto previsto da un'intesa sullo sviluppo progettuale del percorso ferroviario di Rfi e l'integrazione logistica nello snodo di FontanarossaSanta Maria Goretti con l'espansione della metropolitana già progettata e finanziata. L'accordo è stato raggiunto in Municipio alla presenza del vice sindaco Roberto Bonaccorsi, dell'assessore regionale alle infrastrutture Marco Falcone, di quello comunale Enrico Trantino e del consulente per la pianificazione urbanistica Paolo La Greca, di Salvo Leocata per Rfi e Salvo Fiore direttore generale di Fce.
    La nuova stazione Centrale di Catania sarà totalmente interrata ed interconnessa con la stazione della metropolitana con un sistema che consentirà un interscambio diretto tra le due infrastrutture. Un disegno che entro luglio diverrà progettazione definitiva di un'opera che sia il governo nazionale che quello regionale considerano prioritaria per l'importante traino che rappresenta per lo sviluppo del territorio. Anche per questo, l'assessore regionale Marco Falcone ha annunciato che si sta procedendo a reperire il finanziamento dell'opera e che vi è la possibilità, come evidenziato dal rappresentante di Rfi, di poter stralciare dalla realizzazione dell'intera opera la stazione di Fontanarossa allo scopo di integrare, in corrispondenza del parcheggio scambiatore, la metropolitana e la ferrovia tradizionale, senza attendere la fase finale dell'opera il cui completamento è previsto per il 2028, una data che può essere anticipata di almeno due anni. In questo modo, nel 2026, Fontanarossa diventerà lo snodo strategico della mobilità urbana e interurbana su ferro, per tutte le direzioni: urbane, interurbane e regionali. (ANSA).
   


© Riproduzione riservata