Cronaca Pistoia

Si sente abbandonata dai genitori, 13enne simula una rapina in casa

Il falso racconto per attirare l'attenzione di mamma e papà che la trascuravano

Si sente abbandonata dai genitori, 13enne simula una rapina in casa

 Aveva raccontato alle forze dell’ordine che due uomini, rotto il vetro della finestra, s’erano introdotti in casa sua, a Montecatini Terme, in provincia di Pistoia, e l’avevano legata mani e piedi. Poi se n’erano andati via, senza torcerle un capello e senza rubare nulla dall’appartamento. Lei, riuscita a liberarsi, ha telefonato spaventata ai genitori, che hanno chiamato a loro volta i carabinieri. 

E’ successo a fine settembre ma la vicenda è uscita fuori solo adesso che i militari, insospettiti dalle incongruenze della ricostruzione, hanno svelato la messa in scena di una 13enne. Durante il sopralluogo sul posto, infatti, avevano trovato tutto in ordine e la ragazzina senza un graffio. Anche ancoltando lo psicologo, interpellato per riscontrare eventuali traumi riportati dalla giovane, i militari hanno riscontrato “elementi univoci circa la simulazione di reato realizzata dalla stessa”. Ed è stata infine la stessa 13enne, non imputabile, a confessare di aver finto tutto solo per attirare l’attenzione dei suoi genitori.


© Riproduzione riservata