Appuntamenti Scicli

Apertura straordinaria di palazzo Beneventano

Le mattine del 24, 25, 31 ottobre e 1 novembre Palazzo Beneventano sarà aperto alle visite dalle 10.00 alle 13.00

  • Apertura straordianria di palazzo Beneventano
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-10-2020/1603435827-apertura-straordianria-di-palazzo-beneventano-1-500.jpgUno dei libri di palazzo Spadaro
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-10-2020/apertura-straordianria-di-palazzo-beneventano-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-10-2020/1603435827-apertura-straordianria-di-palazzo-beneventano-1-280.jpg

Scicli - Troppe richieste di visite. Così, dopo Le Vie dei tesori, riapre palazzo Beneventano. L'associazione culturale Tanit Scicli, in accordo con le famiglie Sgarlata e Piccione, proprietarie di Palazzo Beneventano, promuove un’apertura straordinaria dello stesso in occasione degli ultimi due fine settimana di ottobre. Le mattine del 24, 25, 31 ottobre e 1 novembre, il Palazzo Beneventano sarà infatti aperto alle visite dalle 10.00 alle 13.00, facendo un ulteriore regalo alla città. Per informazioni sui biglietti e prenotazioni, si può chiamare Tanit Scicli al 3388614973 o scrivere a tanitscicli@gmail.com.

Intanto, sarà prolungata fino all'1 novembre "Tratti d'Archivio", la mostra organizzata dal Centro Studi e Documentazione Città di Scicli presso Palazzo Spadaro, visitabile, in ossequio a tutti i protocolli dovuti alla prevenzione contro la diffusione del Covid-19, dallo scorso 3 ottobre.
Protagonisti dell'esposizione, che si snoda fra le sale del palazzo settecentesco in Via Francesco Mormina Penna, alcuni testi ritrovati del Fondo Antico della città, provenienti dall'antica biblioteca del convento del Carmine di Scicli. 
I testi sono di carattere teologico, si muovono in un arco cronologico che va dal 1682 de Il vero ecclesiastico di Gioseppe Mansi al 1781 de l'Introduzione e trattazione su tutti e su singoli libri della Sacra Scrittura di Padre Agostino Calmet, e sono solo alcuni degli oltre tremila tesori da cui è composto il Fondo Antico della città di Scicli. 


© Riproduzione riservata