Attualità La protesta

Estrema destra e sinistra insieme, scontri a Palermo e Verona

Nel capoluogo siciliano un cameraman centrato da un petardo

Nel capoluogo siciliano un cameraman centrato da un petardo

 Scontri ieri notte nel centro di Verona tra le forze dell'ordine e dimostranti di estrema destra, durante un corteo di protesta partito dall'Arena contro le misure anti-Covid del governo: gli agenti in assetto anti-sommossa sono stati bersagliati da sassi e petardi, e hanno risposto con lacrimogeni per disperdere la folla.Tensione in serata anche in corso Vittorio Emanuele, a Palermo, durante la manifestazione organizzata dai commercianti, iniziata alle 18: qui sono stati invece alcuni appartenenti ai centri sociali a infiltrarsi, devastando cestini, fioriere, panchine e scagliando fumogeni e bottiglie contro la polizia, che ha reagito con una carica. Un petardo ha raggiunto un operatore di Mediaset, soccorso da un'ambulanza.

Secondo il comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza presieduto dal ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, gli scontri di piazza di questi giorni contro il Dpcm non hanno una regia unica, ma sono comunque riconducibili ad antagonisti di destra e di sinistra, esponenti delle tifoserie ultras ed elementi legati alla criminalità. "Accanto alle civili proteste dei cittadini – ha detto il ministro dell'Interno -, abbiamo assistito a inqualificabili episodi di violenza e guerriglia urbana: episodi che hanno trovato soltanto occasionale pretesto nel malcontento, ma che hanno visto all'opera soggetti che nulla hanno a che fare con le categorie interessate dalle misure del governo”.


© Riproduzione riservata
https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1605517077-3-bapr-arca.gif