Giudiziaria Pozzallo

Impianto di Biometano, il Tar non decide e chiede chiarimenti

Parla l'avvocato dei ricorrenti, Francesco Stornello

Impianto di Biometano, il Tar non decide e chiede chiarimenti

Pozzallo - Il Tar Catania ha chiesto chiarimenti al Comune di Modica ed all’Arpa sull’iter istruttorio per la realizzazione dell’impianto di produzione di biometano a Modica, nella Contrada Zimmardo – Bellamagna, rinviando la causa all’udienza del 24 febbraio 2021.
Con ordinanza oggi depositata, infatti, il TAR ha chiesto, tra l’altro, al Comune di Modica se abbia mai valutato l’effettiva compatibilità della strada di accesso all’impianto stesso con il traffico da esso indotto e le ragioni della mancata convocazione della Soprintendenza al procedimento. Chiarimenti chiesti anche all’Arpa sui rifiuti e le emissioni odorigene che l’impianto produrrà e all’Università di Catania, per accertare se effettivamente la capacità produttiva dello stabilimento sia quella che è stata indicata per usufruire dei vantaggi del procedimento amministrativo semplificato oppure no.

L’innovativo impianto di biometano progettato dalla Biometano Ibleo sarà capace di trasformare in energia pulita e valorizzare scarti e sottoprodotti agricoli e sarà destinato a produrre biometano per gli autostrasporti.
“Si tratta di una decisione importante, poiché conferma la fondatezza di tutti i dubbi, anche sull’impatto paesaggistico dell’impianto, da noi sollevati con il ricorso e finora snobbati dall’Amministrazione”, ha ribadito l’Avv. Francesco Stornello, difensore dei ricorrenti.
Dal canto suo, la Biometano Ibleo mantiene la posizione consueta di silenzio, attendendo le decisioni finali del Tribunale amministrativo.


© Riproduzione riservata