Attualità Scicli

Il primo Pandoro artigianale di Scicli

Un dolce difficile da produrre, ora proposto da Cannolia

  • Il primo Pandoro artigianale di Scicli
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/12-11-2020/1605173009-il-primo-pandoro-artigianale-di-scicli-1-500.jpgIl pandoro di Cannolia
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/12-11-2020/il-primo-pandoro-artigianale-di-scicli-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/12-11-2020/1605173009-il-primo-pandoro-artigianale-di-scicli-1-280.jpg

Scicli - Se il Panettone artigianale è difficile da fare, il Pandoro lo è ancora di più. Il Panettone ha 4 passaggi delicati: il preimpasto e la prima lievitazione; un secondo impasto e un'altra lievitazione; la pirlatura e una terza lievitazione; il riposo capovolto a testa in giù. Il Pandoro ne ha uno in più, uno stadio di lievitazione che allunga maggiormente i tempi di produzione scoraggiando tutti i pasticceri, per questo quasi nessuno lo produce.

In questi giorni, nel laboratorio di Cannolia, durante le pause dettate dal lockdown, Davide ha messo in atto gli insegnamenti del Maestro Beniamino Bazzoli e si è messo all’opera per produrre a Scicli il primo Pandoro Artigianale dell’anno. Il risultato è una soffice nuvola dorata che si scioglie in bocca. Semplici ingredienti come il burro, le uova, la farina e la vaniglia si abbracciano e si fondono fino a diventare un tutt’uno. Una stella raffinata e morbida caratterizzata da una quadrupla lievitazione naturale. Solo per questa settimana Davide ne produrrà 50 pezzi.

È possibile gustarlo al naturale con del semplice zucchero a velo oppure richiedere la farcitura in sacca a poche preferita: Pistacchio spalmabile, Crema al limone o Ricotta Cannolia. Come tutte le creazioni di Cannolia, anche il Pandoro, è 100% artigianale senza alcun conservante o additivo chimico, per questo va consumato entro pochi giorni, senza aspettare il Natale. Sarà una tiratura limitata, destinata solo a pochi fortunati, ai più veloci che lo acquisteranno direttamente dal sito di Cannolia


© Riproduzione riservata