Attualità Chiaramonte Gulfi

Su Rai Uno il film sulla suora Cabrini, girato a Chiaramonte Gulfi

La suora presa a modello da Madre Teresa di Calcutta

  • Cristina Odasso è suor Cabrini
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/05-01-2021/1609841096-su-rai-uno-il-film-sulla-suora-cabrini-girato-a-chiaramonte-gulfi-1-500.jpgCristina Odasso è suor Cabrini
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/05-01-2021/su-rai-uno-il-film-sulla-suora-cabrini-girato-a-chiaramonte-gulfi-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/05-01-2021/1609841096-su-rai-uno-il-film-sulla-suora-cabrini-girato-a-chiaramonte-gulfi-1-280.jpg

Chiaramonte Gulfi - Andrà in onda mercoledì 6 gennaio su Rai Uno, in seconda serata, il film Mother Cabrini, dedicato alla missione di suor Francesca Saverio Cabrini (Sant'Angelo Lodigiano, 1850 - Chicago, Illinois, Stati Uniti, 1917), fondatrice della congregazione delle Missionarie del Sacro Cuore di Gesù. Il film è in parte girato a Chiaramonte Gulfi. 

Nel film, la cui regia è firmata dalla chiaramontana Daniela Gurrieri, Madre Cabrini è interpretata da una attrice acqua e sapone, Cristina Odasso (Torino, 26 settembre 1980). 

Nata a metà dell’800 a Sant’Angelo Lodigiano, un piccolo paese della Lombardia, spese la sua intera vita a favore degli emigranti italiani e non solo. Per loro fondò oltre 67 istituzioni in tutto il mondo. Dopo la sua morte, avvenuta a Chicago il 22 dicembre 1917, il Papa ricevette più di 150.000 notizie di miracoli. Canonizzata il 7 luglio 1946, è stata la prima cittadina americana dichiarata Santa. Nel 1950 fu nominata Patrona dei Migranti.

La suora presa a modello da Madre Teresa di Calcutta
Prodotto da CRISTIANA Video, il film è stato realizzato in collaborazione con EWTN, il piu grande network cattolico mondiale, che raggiunge oltre 270 milioni di case in 145 paesi del mondo, e grazie anche al sostegno delle Suore Missionarie del Sacro Cuore. Madre Teresa di calcutta prese a modello della sua missione madre Cabrini. 

Location a Chiaramonte Gulfi
La regista di origini chiaramontane Daniela Gurrieri ha scelto Chiaramonte Gulfi per alcune scene del film. In particolare, sono riconoscibili piazza San Vito e palazzo Montesano, dove sono ambientate le cucine ottocentesche. 


© Riproduzione riservata