Cronaca Under 80

Vaccini, c’è chi ha provato a fare il “furbetto” pure sulle prenotazioni

Una "anomalia", subito corretta, ha permesso ad alcuni cittadini fuori target di fissare l’iniezione

Una "anomalia", subito corretta, ha permesso ad alcuni cittadini fuori target di fissare l’iniezione

 Ragusa - Sono oltre centomila in 3 giorni gli over 80 siciliani che hanno prenotato la prima puntura di vaccino anti-Covid, il 30% della loro popolazione. E non poteva mancare chi, pur avendo meno anni, ci ha provato lo stesso a prendere appuntamento col centro vaccinale di riferimento, sia online che al telefono. Nel Messinese in particolare, secondo quanto rivela LetteraEmme: “Ho avuto la possibilità di prenotare con tutta la mia famiglia - svela un ragazzo, sotto anonimato -, chiamando il numero è possibile parlare con un operatore che fornisce date e ora della somministrazione dopo aver richiesto i dati personali attraverso i codici fiscali e le tessere sanitarie, mie e dei miei familiari”.

Tutti abbondantemente under 80: “Ho richiamato più volte per accertarmi proprio della stranezza - continua -, ma i differenti operatori mi hanno spiegato che non c’erano problemi”. Non si è trattato di un caso isolato ma fortunatamente l’annullamento della prenotazione illecita è scattato prima di una nuova figuraccia nazionale. A seguito di approfondimenti tecnici è emersa una falla di sistema provocata da parte degli operatori del contact center delle Poste che, per consentire l’accesso agli aventi diritto non residenti in Sicilia, avrebbero erroneamente sbloccato le funzionalità avanzate della piattaforma.


© Riproduzione riservata