Esteri Reazioni avverse

Germania, malori dopo AstraZeneca: vaccini sospesi in alcune città

Allarme in due regioni per il numero di sanitari colpiti dagli effetti collaterali dell’iniezione

Germania, malori dopo AstraZeneca: vaccini sospesi in alcune città

 Berlino – Secondo la comunità scientifica tedesca le reazioni avverse provocate dalle somministrazioni di vaccino AstraZeneca sarebbero un fenomeno comune a qualsiasi siero, il problema è che ad esserne già stati colti, come riportano i media tedeschi, sono ormai un centinaio tra medici e infermieri. Tanto che alcuni Länder del Nord Reno-Westfalia e della Bassa Sassonia hanno istituito un’unità di crisi e interrotto la campagna vaccinale col siero, valido dai 18 ai 55 anni.

In dettaglio, su 88 dipendenti della clinica Duchessa Elisabetta di Braunschweig, vaccinati lo scorso giovedì con AstraZeneca, 37 non sono stati in grado di presentarsi al lavoro a causa della nausea e del malessere diffuso. Lo stesso alcuni impiegati di una clinica di Emden. Non sarebbero reazioni gravi, da necessitare di una cura, e dovrebbero sparire a breve da sole nei soggetti interessati. Certo non è piacevole. Potrebbe trattarsi di un lotto "difettoso"; o di una diversa risposta dell'organismo a un vaccino basato su vettori e non su Rna messaggero, come Pfizer e Moderna; ma anche di una banale coincidenza: sugli effetti indesiderati indaga l’Istituto Paul Ehrlich, l’ente nazionale di ricerca e regolamentazione nel campo della biomedicina.


© Riproduzione riservata