Moda e Gossip Compleanno

Salvo Ficarra, del duo Ficarra e Picone, compie 50 anni

Salvo Ficarra, componente del duo comico Ficarra e Picone, spegnerà 50 candeline

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/24-05-2021/salvo-ficarra-del-duo-ficarra-e-picone-compie-50-anni-500.jpg Salvo Ficarra, del duo Ficarra e Picone, compie 50 anni

Palermo - Ha mandato avanti il "compare" Valentino, giusto per capire cosa significasse compiere 50 anni. Adesso, però, arriva anche il suo turno perchè giovedì prossimo anche Salvo Ficarra, componente del duo comico Ficarra e Picone, spegnerà 50 candeline.

Nato a Palermo il 27 maggio 1971, sposato, due figli, una vita privata vissuta lontano dai riflettori e una passione calcistica per il Palermo, di cui ha firmato l'inno con Lello Analfino dei Tinturia, dal 1993 lega indissolubilmente il suo nome a quello di Valentino Picone conosciuto in un villaggio vacanze. Da lì a qualche anno, dopo una parentesi come "Chiamata urbana urgente" in trio con Salvatore Borrello, Salvo Ficarra perde la connotazione di "singolo" per diventare una cosa sola con Valentino Picone, tanto che in tanti non sanno chi sia l'uno e chi l'altro. La loro forza, come in ogni duo comico che si rispetti, è l'asimmetria dei loro caratteri in scena dove Salvo Ficarra è il "furbo", il trascinatore.
Probabilmente, lo è da sempre.

Da ragazzo era "incline ad assenze e ritardi, spesso convocato in sala teatro dal bidello (a quel tempo non esistevano ancora i collaboratori scolastici) Munafò all'Istituto tecnico commerciale Duca degli Abruzzi", come e' stato raccontato qualche anno fa durante la lezione-intervista condotta dal critico cinematografico Gianni Canova allo Iulm di Milano "A lezione da Ficarra e Picone".

Per Ficarra - "un eterno ritardatario permaloso" secondo il sodale Valentino Picone - far ridere e' una vocazione e, gia' dall'inizio della carriera, fare cinema era un sogno che e' diventato realtà. Dal debutto in un cameo nella scena finale di "Chiedimi se sono felice" di Aldo Giovanni e Giacomo, al ruolo in Baaria di Giuseppe Tornatore, fino al successo di botteghino e di critica in coppia con Picone, prima solo come protagonisti in "Nati stanchi", poi passando anche dietro la macchina da presa fino a "Il primo Natale", sesta pellicola come attore-regista uscita nel 2019.
La notorietà è arrivata, però, in televisione con la partecipazione a Zelig e Zelig Circus, fortunati programmi Mediaset. Sempre a Mediaset, su Canale 5, per 17 stagioni è stato, sempre con Picone, tra i conduttori di "Striscia la notizia", programma al quale i due hanno da poco dato l'addio definitivo. In teatro, sempre in coppia, ha dato vita a spettacoli (l'ultimo è stato "Le rane" di Aristofane che dal Teatro Greco di Siracusa è andato in onda su Raiuno) e sketch che fanno sorridere e riflettere tra cui l'inarrivabile il testo dedicato a don Pino Puglisi. A breve il debutto internazionale nella serie comedy "Incastrati" che sta girando in Sicilia, con Valentino Picone, prodotta dalla loro Trump limited per Netflix.


© Riproduzione riservata