Cultura Siracusa

Le Baccanti cantano Battiato

Con la Fura dels Baus, la scena è prevedibilmente abitata da “machinae” sceniche meravigliose e infernali

Siracusa - Cadmo è un politico opportunista, ma è anche un padre annichilito dal dolore. Stefano Santospago sul palco del teatro greco di Siracusa rievoca la moglie Armonia e intona “La stagione dell’amore” di Franco Battiato. Un inatteso salto nel presente voluto dal regista de Le Baccanti edizione 2021, Carlus Padrissa, anima, corpo e mente di La Fura dels Baus, per omaggiare l'artista siciliano scomparso il 18 maggio. 

Al Teatro greco di Siracusa per la stagione dell’Inda, la tragedia di Euripide (nella traduzione italiana di Guido Paduano) è firmata dall’artista catalano, che verga regia, scene e musiche, per la coreografia di Mireia Romero Miralles, e i costumi di Tamara Joksimovic.

Con la Fura dels Baus, la scena è prevedibilmente abitata da “machinae” sceniche meravigliose e infernali, che danno vita a uno spettacolo pauroso, in tutte le declinazioni semantiche del termine. Direttrice dei cori è la sciclitana Simonetta Cartia insieme a Elena Polic Greco. Bravo il Tiresia di Antonello Fassari, profondo e convincente. 


© Riproduzione riservata