Cronaca Palermo

I tre fratelli Vinci stroncati dal Covid

Avevano scelto di non vaccinarsi

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/06-11-2021/i-tre-fratelli-vinci-stroncati-dal-covid-500.jpg I tre fratelli Vinci stroncati dal Covid

Palermo - Il Covid si è portato via un'intera famiglia a Palermo. Tre fratelli che avevano scelto di non vaccinarsi. Rita, consigliere comunale, Francesco, terapeuta, Massimo, uomo della movida.
Rita Vinci era scomparsa lo scorso mese a 65 anni: assistente sociale molto conosciuta a Palermo e consigliere comunale fino al 2017, era stata eletta con Italia dei Valori nel 2012, poi transitata al Mov.139 in appoggio a Leoluca Orlando.

Ed era stato proprio il sindaco di Palermo a dare la notizia della tragedia: «La scomparsa di Rita Vinci mi addolora profondamente. A nome mio e della città di Palermo, con profonda commozione, esprimo vicinanza alla sofferenza dei familiari. Da imprenditrice e da consigliere comunale Rita Vinci è stata una presenza indimenticabile, significativa anche per la sua sensibilità umana e sociale. Il dolore è reso ancora più forte per la contemporanea scomparsa del fratello Francesco – aveva concluso il sindaco - terapeuta innovatore". 

Era sopravvissuto Massimo Vinci, stroncato anch'egli dal Covid a 53 anni dopo una lunga battaglia, appena due giorni fa. 
"Se n'è andato Massimo, mio cugino, mio amico, mio fratellino. Ho un ricordo di te bellissimo le nostre telefonate a ridere per qualsiasi battute. Un sorriso solare, un viso sempre allegro. Ti chiedo di proteggermi da lassù. Adesso sarai in compagnia con tua sorella Rita e Francesco tuo fratello, tuo padre e tua mamma", scrive Linda su Facebook.

In molti ricordano anche gli eventi organizzati nella villa di famiglia, la gentilezza e la disponibilità di Massimo: "Lo avevo conosciuto per la comunione di mia figlia, una persona squisita", scrive un'altra lettrice. Anche il "popolo della notte" lo ricorda, come uno dei protagonisti della movida palermitana: "Il Birimbao, il Carpe Diem, i locali. Passavi e sorridevi. Mancherai", scrivono in tanti.


© Riproduzione riservata