Appuntamenti Comiso

I 100 anni della nascita di Bufalino

Sabato e domenica tre eventi in diretta streaming da Comiso: convegno nazionale, presentazione libro e concerto

I 100 anni della nascita di Bufalino

Comiso - Tre eventi, tutti in streaming, per concludere le celebrazioni del centenario della nascita di Gesualdo Bufalino. La Fondazione Bufalino di Comiso conclude il programma di appuntamenti organizzato nel centesimo anno dalla nascita del compianto scrittore con una due giorni di appuntamenti che verranno trasmessi in diretta streaming sulla pagina facebook e sul sito web della Fondazione. Bufalino scrittore, ma anche poeta, cinefilo, amante della musica, Bufalino di ieri ancora oggi attuale: la due giorni, promossa e organizzata dalla Fondazione Bufalino, con il sostegno dell’Assemblea Regionale Siciliana, del Comune di Comiso, della Bapr e del Lions Club Comiso Terra Iblea, regalerà un ritratto approfondito e ampio dell’indimenticabile scrittore. Si inizia sabato 14 novembre alle ore 10.00 con un’intera giornata di studi dedicata alla figura e all’opera di Bufalino; il giorno dopo, domenica 15 novembre, alle 17.00 la presentazione del libro “Bufalino al cinema”, una coedizione Fondazione Bufalino, Salarchi Immagini e Bapr, seguita, alle 19.00, dal concerto di musica classica “Luce infinita”, dedicato alla raccolta di versi “L’amaro miele” dello scrittore comisano.

Tanti gli ospiti attesi in diretta streaming per la giornata di sabato nella doppia sessione mattutina e pomeridiana. Alle 10.00 i lavori prenderanno il via con i saluti istituzionali del sindaco di Comiso Maria Rita Schembari e del presidente della Fondazione Bufalino Giuseppe Digiacomo. Poi il dibattito entrerà nel vivo con l’intervento del direttore scientifico della Fondazione Nunzio Zago e il suo approfondimento su "Lo spazio letterario di Bufalino". Parola quindi a Giulia Cacciatore (Università di Catania) su "Diceria dell'untore", Andrea Schembari (Università di Stettino) sul romanzo "Le menzogne della notte", Giuseppe Traina (Università di Catania) su "Calende greche" e Sergio Russo (Università di Catania) che concluderà la mattina di interventi con una riflessione su "Tommaso e il fotografo cieco". I lavori riprenderanno nel pomeriggio. Dalle 16.00 alle 18.00 ancora approfondimento con altri docenti universitari: con le "Ultime su Bufalino" interverrà Marina Paino (Direttore DISUM - Università di Catania); Francesca Caputo (Università di Milano Bicocca) approfondirà "La forma del dialogo in Gesualdo Bufalino"; Lisania Giordano (Università di Catania) indagherà su "Orfeo si era voltato apposta. Suggestioni classiche nell'identità della coppia"; infine Gino Ruozzi (Presidente ADI - Università di Bologna) chiuderà con "Bufalino aforista".

Grande appassionato di musica e di cinema: Gesualdo Bufalino aveva molte passioni che curava con dedizione. Sarà a questo aspetto che la Fondazione renderà omaggio nella giornata di domenica. Alle 17.00 sarà presentato il libro-strenna “Bufalino al cinema”, a cura di Giuseppe Traina, dedicato alla cinefilia dello scrittore comisano e pubblicato in coedizione Fondazione, Salarchi Immagini e Bapr. Alle ore 19.00 chiuderà la due giorni di eventi il concerto di musica classica “Luce infinita” con il trio composto dal soprano Sachika Ito, dal clarinettista Carmelo Dell’Acqua e dal chitarrista Totò Calvo, ideatore di questo progetto poetico-musicale dedicato alla raccolta di versi “L’amaro miele” di Bufalino, con musiche composte da Marco Reghezza, Giovanni Scapecchi e Joe Schittino.

“Termina un anno importante per la nostra Fondazione – commenta il presidente Giuseppe Digiacomo - che purtroppo, a causa della pandemia, avevamo pensato ben più ricco di eventi e d’incontri con il pubblico che ha tanto amato il nostro Gesualdo Bufalino. Il prossimo fine settimana chiuderemo il programma di appuntamenti dedicati al centenario della nascita con due importanti giornate, pensate per fare emergere la grande creatività, profondità, umanità di Bufalino. Cercheremo di rappresentare le sue tante sfumature di artista, di letterato, di amante delle arti per offrire a chi ci seguirà un ritratto puntuale e appassionato della sua grandezza e complessità”.


© Riproduzione riservata