Appuntamenti Taormina

Taormina, è la notte di Franco Battiato, col docufilm La Voce del Padrone

Il docufilm Franco Battiato – La Voce del Padrone in anteprima mondiale al Taormina Film Fest

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/01-07-2022/taormina-e-la-notte-di-franco-battiato-col-docufilm-la-voce-del-padrone-500.jpg Taormina, è la notte di Franco Battiato, col docufilm La Voce del Padrone

Taormina - Al Taormina Film Fest 2022 è la notte di Franco Battiato. Nella magia del Teatro antico, viene proiettato stasera in anteprima mondiale Franco Battiato – La voce del padrone, una coproduzione RS Productions e ITSaRT, per la regia di Marco Spagnoli, che realizza con RS Productions il suo secondo film dopo il successo de Il Coraggio del Leone, con Anna Foglietta.

Il docufilm è un viaggio alla scoperta dell’album più importante di Franco Battiato, che rappresenta anche uno spaccato sociale e culturale dell’Italia degli anni ‘80. La Voce del Padrone, uscito nell’autunno del 1981, è stato il primo LP italiano a superare un milione di copie vendute – oltre un milione e mezzo nel corso degli anni – ma è stato anche la “colonna sonora” dell’estate del 1982, quella dell’Italia “Mundial” di Paolo Rossi, Marco Tardelli e Dino Zoff; una stagione ricca di novità che dette il via agli “indimenticabili” anni ‘80, diventati oggi celebrazione e memoria condivisa di una nazione alla scoperta di una nuova identità sociale, preconizzata, peraltro, nei testi di Battiato. Nanni Moretti, Alice, Carmen Consoli, Willem Dafoe, Eugenio Finardi,

Morgan, Alberto Radius, Caterina Caselli sono tra i protagonisti del film diretto da Marco Spagnoli e raccontato da un testimone d’eccezione, Stefano Senardi, tra i volti più influenti dell’industria della musica italiana e grande amico del maestro siciliano.

“Franco Battiato – racconta Marco Spagnoli – è stato e rimarrà un artista unico da tanti punti di vista che la presenza di Senardi aiuta ad inquadrare: umano, artistico, amicale, intimo. Un viaggio fisico e spirituale quello che compie Senardi e ad accompagnarlo troviamo personalità strepitose dell’entertainment italiano ed internazionale che, per la prima volta, elaborano dinanzi alla macchina da presa una riflessione sul perché e sul come sono stati anche loro protagonisti del lavoro e della vita di Battiato”.

“Non poteva che essere Taormina – precisa il regista – il luogo dove presentarlo, in un’estate che richiama alla memoria quella di quaranta anni fa, in cui ovunque si ascoltavano le canzoni dell’album: da Cuccurucuccu a Centro di Gravità permanente, da Summer on a Solitary Beach a Gli uccelli. Questo film è nato quando Franco Battiato era ancora vivo ma, come spesso accade per tanti progetti, è stato rinviato di qualche anno. Sono grato a Pietro Peligra e Andrea Zoso che hanno voluto rendere omaggio al maestro attraverso un racconto intimo ed emozinante per fare luce sulla storia incredibile di un album che ha cambiato la vita di tutti noi. Un ringraziamento particolare anche a ITsART che ha creduto fin dal primo momento al progetto e ci ha accompagnato in questo viaggio”.


© Riproduzione riservata