Appuntamenti Scicli

Il Parco di Costa di Carro tra sentieri e colori

La settimana del trekking

Parco di Costa di Carro

Scicli - L’Associazione Esplorambiente in collaborazione con l’Istituto di Istruzione Secondaria “Giovanni Sgarlata” di Scicli, la Cooperativa l’Isola, Il gruppo Energia e Simpatia, sono lieti di proporvi tale importante manifestazione finalizzata non solo alla conoscenza del nostro patrimonio naturale, ma anche costumi e tradizioni, fonti di ricchezza culturale oltre che di amicizia.

L’escursionismo è un modo per scoprire piccoli angoli di mondo più o meno conosciuti, “curiosare” e riscoprire il piacere di muoversi lentamente, a piedi, e silenziosamente, per osservare e sentire cose che normalmente sfuggono alla percezione. Recuperare il contatto con l’ambiente e la natura, ascoltarne i rumori e i silenzi, vedere con occhi nuovi, saper cogliere i particolari ed i segni lasciati dall’uomo.

L’Organizzazione

Il progetto prevede il partenariato dei seguenti enti pubblici: l’Azienda Foreste Demaniali della Regione Siciliana (Azienda FF.DD.R.S.), Comune di Scicli, Provincia Regionale di Ragusa.

Il percorso

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1602519114-3-triumph.gif

Grado di difficoltà medio-basso

Lunghezza 3,8 Km

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1602519114-3-triumph.gif

Altitudine 0-10 m s.l.m.

Tempo di percorrenza 2 ore

Il tracciato si snoda lungo la linea di costa tra Punta Corvo e Sampieri (territorio di Scicli), dove si alternano spiagge sabbiose, spiagge ciottolose e coste rocciose alte e basse. La vegetazione dunale annovera numerose specie alofite, quali: ravastrello marino, calcatreppola, eringio marino, cannuccia di palude, ecc.. Molto caratteristico è un ampio tratto di falesia colonizzato da associazioni vegetali adattate all’ambiente salmastro: lentisco, efedra fragile, spazzaforno, salicornia, agave, ma soprattutto primeggia la palma nana. Sulle rocce molte sono le vaschette di corrosione, formate ad opera dell’acqua marina per un processo meccanico-fisico; sul fondo di queste, durante la stagione estiva a seguito dell’evaporazione dell’acqua, si depositano dei sali. Tra gli elementi artificiali spiccano dei piccoli fabbricati, un pozzo a largo diametro, un antico faro. Di recente l’area costituisce un parco naturale.

Informazioni e consigli utili per i partecipanti

Abbigliamento: scarpe da trekking o comunque comode, guanti, cappello, pantaloni resistenti, giacca a vento.

Acqua da bere in quantità proporzionale alla durata dell’escursione.

Conclusioni

L’iniziativa fa parte di un ampio programma di valorizzare del patrimonio culturale storico, naturalistico, archeologico, speleologico, del nostro territorio che l’Associazione Esplorambiente, porta avanti dal 2002, anno della sua costituzione. Numerose sono state nel corso degli anni le iniziative di divulgazione e di sensibilizzazione nei confronti della collettività per perseguire tali fini, sotto forma di seminari, pubblicazioni, mostre, escursioni e visite guidate. In particolar modo, sono risultati di notevole interesse una serie di itinerari escursionistici proposti, di volta in volta, come mete turistico-didattiche alle varie scuole della città ed utili ai docenti come sussidi integrativi delle proprie discipline.

Alla luce delle esperienze passate quest’anno si è avviata in collaborazione con l’istituto di Istruzione Secondaria “Giovanni Sgarlata” di Scicli un’attività mirata, non solo alla divulgazione ed alla conoscenza ma che rientri, anche, in una esigenza più ampia che coinvolga i ragazzi nella costruzione di politiche pubbliche, in modo che essi non siano solo utenti ma partecipi direttamente della progettazione e della gestione del loro territorio. A tal fine, si è individuato nel Parco extraurbano di Costa di Carro la possibilità di avviare un laboratorio di valorizzazione dello stesso.

Informazioni e contatti

Associazione Esplorambiente

cell. 338/3610389

www.esplorambiente.it

e-mail: esplorambiente@gmail.com

Foto Luigi Nifosì


© Riproduzione riservata