Attualità Sciopero bianco

Caro energia, sale pure il metano: la serrata dei camion si allarga VIDEO

Blocchi e presidi dalla Campania alla Sardegna, situazione tranquilla in Sicilia

 Olbia - Dopo gli autotrasportatori campani, anche quelli sardi sono tornati stamani a presidiare spontaneamente imbarchi e caselli, con i loro mezzi pesanti, per protestare contro il boom ingiustificato dei prezzi di carburanti ed energia, alle pompe così come sulle utenze domestiche e aziendali. Nelle immagini allegate, siamo al porto di Olbia; nell’ultimo video è Oristano.

Nella foto in copertina, l’ingresso allo scalo di Cagliari. Al momento non si segnalano rallentamenti e blocchi sulle strade siciliane, dove lo scorso mese partì lo “sciopero bianco” dei camionisti, ma la criticità è pressante anche sull’Isola. Se benzina e gasolio ben sopra la soglia dei due euro al litro hanno fatto scattare l'allarme nelle famiglie e nelle imprese siciliane, per i possessori di auto e furgoni a metano - 55 mila in tutto mezzi circolanti in Sicilia - è diventata un incubo anche il prezzo del gas.

Il prezzo del metano nei 20 distributori presenti nell'Isola è arrivato a sfiorare 4 euro al chilo, quattro volte il valore dello scorso ottobre quando il prezzo era poco meno di un euro. Un grosso problema per quanti avevano puntato sul metano per risparmiare: lo scorso autunno un pieno di gas su un'auto costava mediamente 15 euro; oggi rifornire la stessa vettura costa 55 euro.


© Riproduzione riservata