Attualità NEW YORK

Al Chelsea Hotel riaprono stanze di Leonard Cohen e Bob Dylan

https://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/21-05-2022/1653146407--news-ragusa.jpg&size=375x500c0 Al Chelsea Hotel riaprono stanze di Leonard Cohen e Bob Dylan

NEW YORK, 21 MAG Col bagno rifatto di marmo e rubinetteria in ottone, la stanza 424 e' ancora un work in progress: leggendaria nella storia della musica per la torrida e fugace 'one night stand' del 1968 con Janis Joplin che Leonard Cohen immortalo' in una delle sue più famose canzoni, Chelsea Hotel #2. Dodici piani dietro la facciata neogotica sulla 23esima Strada, una delle icone di New York riaprira' i battenti in autunno come hotel di lusso dopo una lunga ristrutturazione che il nuovo proprietario Sean McPherson ha definito "uno scavo archeologico" in un passato di creatività al cubo.
    Ci sono ancora una cinquantina di inquilini dentro le favolose mura. Un documentario su di loro, "Walls: Inside The Chelsea Hotel", sara' presentato il 17 giugno al Tribeca Film Festival. Col presente in via di estinzione, torna alla ribalta il passato che ha visto entrare e uscire nel corso degli anni dal portone al 222 della 23esima Sarah Bernhardt e Mark Twain, Arthur Miller e Bob Dylan, Jack Kerouac mentre lavorava a "On the Road" (ed ebbe una storia con Gore Vidal), Arthur C. Clarke al tempo di 2001 Odissea nello Spazio quando defini' il Chelsea Hotel "la mia casa spirituale".
    C'è un lato dark: Dylan Thomas a 39 anni si ubriacò nella stanza 205 fino a morirne avvelenato, mentre nella 100 Sid Vicious uccise a coltellate la girlfriend Nancy Spungen nel 1978. Per alcuni inquilini, fu una sorta di "hotel dei cuori spezzati": Miller abitò per sei anni la 614 dopo la rottura con Marilyn Monroe, Ethan Hawke fece lo stesso quando si separò da Uma Thurman. (ANSA).
   


© Riproduzione riservata