Attualità Medicina

Covid, l'esame che predice l'evoluzione della malattia

Il nuovo test studiato in Italia destinato a migliorare le cure per viene contagiato

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/30-06-2021/covid-l-esame-che-predice-l-evoluzione-della-malattia-500.jpg Covid, l'esame che predice l'evoluzione della malattia

 Modena - Un nuovo esame di laboratorio che può predire l'evoluzione della sindrome Covid-19 causata dal Coronavirus e in particolare dello stato di iperinfiammazione - la cosiddetta tempesta di citochine - che la caratterizza. Lo studio, frutto della collaborazione tra Usl e Università di Modena e Reggio Emilia, è stato pubblicato oggi sulla rivista Scientific Reports. L'esame - chiamato Mdw (Monocyte Distribution Width) - si basa sull'analisi della morfologia dei monociti, cioè di una specifica popolazione di cellule presenti nel sangue. Per la prima volta è stato dimostrato come il valore dell'Mdw nei pazienti Covid seguiti durante il ricovero in reparti di terapia intensiva e subintensiva, sia correlato significativamente con la gravità e l'andamento clinico della malattia.

Il test potrebbe essere presto inserito anche nella routine clinica dei laboratori delle altre regioni italiane. "Quando c'è uno stimolo prodotto dell'attivazione del sistema immunitario, come nel caso di infezioni sia batteriche che virali, si modifica la morfologia dei monociti - spiegano i ricercatori -. Con le nuove apparecchiature a disposizione siamo in grado di misurare in laboratorio l'entità di queste alterazioni cellulari. Nel lavoro pubblicato si è descritto per la prima volta il significato biologico e il ruolo prognostico di questo nuovo parametro ematologico chiamato appunto Mdw nel monitoraggio di pazienti Covid ospedalizzati, utilizzato come innovativo biomarcatore utile per la diagnosi precoce di sepsi virale, ovvero di grave infezione". 


© Riproduzione riservata