Attualità Il punto

Covid, la pandemia senza allarme: stato di calma apparente

Si allarga la platea della quarta dose, il Paese entra nel vivo della convivenza col virus

https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/11-04-2022/covid-la-pandemia-senza-allarme-stato-di-calma-apparente-500.jpg Si allarga la platea della quarta dose, il Paese entra nel vivo della convivenza col virus

 Roma - Dal crollo di restrizioni, tamponi e sequenziamenti stiamo mettendo alla prova estrema la capacità diffusionale delle nuove varianti Covid. Dobbiamo assolutamente entrare in una fase di convivenza silente col virus perché l’estate, in fondo, è sempre stata una “zona franca”, anche nel primo anno di pandemia: un periodo in cui mollare gli ormeggi e in cui il virus morde meno. Non si sa ancora molto dei nuovi sviluppi di Omicron e, per non affidarci del tutto alla buona sorte, l'unica è guardare al Regno Unito, primo Paese a dire addio a ogni limitazione: ebbene, nel ritorno alla "normalità", il numero dei decessi britannici è rimasto stabile e i ricoveri non hanno mostrano progressioni significative, il che lascerebbe ben sperare.

Sulla durata del vaccino, ci sono Usa e Israele avanti con la quarta dose: qui primi rilievi indicano un rinforzo delle difese, ma per breve tempo. L’efficacia scomparirebbe addirittura in un paio di mesi: probabilmente gli attuali vaccini non ce la fanno più a riallungare la stessa coperta anticorpale, ormai sfilacciata. Al momento, in Italia l’Aifa hanno autorizzato il “secondo booster” volontario solo per over 80 e ultra60enni inseriti nelle categorie a rischio. Anche l’ultimo bollettino giornaliero non evidenzia anomalie rispetto ai precedenti. Ma il virus dorme, non è morto ripete l’Oms. Per il momento, ci accontentiamo che non si risvegli.


© Riproduzione riservata