Attualità L’Isola allegra

Covid... ma la notte no! VIDEO

Ogni sera è una piccola finale, meno male che ci sono i vaccini

Ogni sera è una piccola finale, meno male che ci sono i vaccini

 Ragusa – Non vi mostriamo scene da un matrimonio social o video del delirio collettivo scatenatosi ovunque per la vittoria dell’Italia sulla Spagna agli Europei, ma ciò che accade tutte le notti da settimane in Sicilia. Vediamo Palermo nel reportage embeddato, realizzato in questi giorni dai residenti del centro storico: che senso ha fare il Festino di Santa Rosalia senza processione, ma coi fuochi d’artificio? Giusto l’altroieri il Tar ha sospeso l'ordinanza con cui Orlando imponeva ancora di chiudere i locali all'una di notte. In compenso il sindaco ne ha messa un’altra oggi, contro i maxischermi per la finalissima con l’Inghilterra. Vedremo domenica con quali risultati.

Ufficialmente le discoteche sono ancora chiuse, ma non mancano le balere abusive allestite al calar del sole: nel primo video allegato, siamo in provincia di Trapani. Negli altri due a Catania. Nel secondo, in piazza Europa, vengono esplosi addirittura dei fuochi d’artificio (e non gioca la Nazionale): “Intanto al lungomare le auto sfrecciano perfino sulle strisce pedonali rialzate - denuncia il residente, postando le immagini - e altre fanno inversione o tagliano per entrare a Li Cuti". 

Guardando queste immagini si possono forse capire meglio le minacce di Musumeci di far perdere il posto a chi non si vaccina. Giovanissimi, si dirà. Eppure sono proprio questi i meno vaccinati dell’Isola, anche perché sono gli ultimi per cui è partita la campagna: attualmente è coperto dal Covid il 20% degli studenti. Tanto che si torna già a parlare di dad pure per il prossimo anno scolastico. Magari a loro non accadrà nulla ma possono sempre portare il virus a casa, e non è che l’immunizzazione degli over 60 vada così bene.


© Riproduzione riservata