Attualità La mappa europea

Covid, per l’Ue la Sicilia resta arancione

Tre regioni italiane ancora nella fascia di colore corrispondente al nostro “giallo”

Covid, per l’Ue la Sicilia resta arancione

 Ragusa - Nella nuova mappa Ecdc tutte le regioni italiane sono colorate di verde, quindi a bassissima incidenza Covid, ad eccezione di Calabria, Basilicata e Sicilia che restano arancioni per la seconda settimana consecutiva. La cartina diventa ancora più importante in vista del primo luglio, quando sarà disponibile il certificato Covid Ue che permetterà di viaggiare senza restrizioni sul territorio comunitario a chi sia vaccinato contro il Covid, guarito o in possesso di tampone/test negativo. L'Ente europeo per il controllo e la prevenzione del virus lascia mano libera ai singoli stati ma consiglia:

- in provenienza dalle zone verdi: nessuna limitazione;
- in provenienza dalle zone arancioni: possibile obbligo di test preliminare alla partenza (antigenico rapido o Prc);
- in provenienza dalle zone rosse: possibile obbligo di quarantena in mancanza di test preliminare alla partenza (antigenico rapido o PCR);
- in provenienza dalle zone rosso scuro: viaggi non essenziali da scoraggiare fortemente; test e quarantena ancora obbligatori.

Ricordiamo che le aree della mappa Ecdc non corrispondono alle fasce a colore italiane ma sono così contrassegnate:
- verde se il tasso di notifica di 14 giorni è inferiore a 25 casi su 100.000 e il tasso di positività del test inferiore al 4%;
- arancione se il tasso di notifica di 14 giorni è inferiore a 50 casi per 100.000 ma il tasso di positività del test è del 4% o superiore o, se il tasso di notifica di 14 giorni è compreso tra 25 e 150 casi per 100.000 e il tasso di positività del test è inferiore al 4%;
- rosso, se il tasso di notifica del caso COVID-19 cumulativo di 14 giorni è compreso tra 50 e 150 e il tasso di positività del test per l'infezione da COVID-19 è del 4% o superiore, o se il tasso di notifica del caso di Covid cumulativo di 14 giorni è maggiore di 150 ma minore di 500;
- rosso scuro, se il tasso di notifica del caso COVID-19 cumulativo di 14 giorni è pari o superiore a 500;
- grigio se le informazioni sono insufficienti o se il tasso di test è inferiore a 300 casi su 100000.

Come si vede nella mappa, gran parte dell'Europa è colorata ormai di verde: oltre all'Italia, anche Francia, Germania, Grecia e i paesi dell'Europa dell'Est mostrano livelli di contagio bassi; mentre la Spagna è ancora colorata di arancione, con una regione addirittura rossa. Al momento sono oltre 212 i milioni di europei che hanno ricevuto la prima dose di vaccino, pari al 57% del totale, mentre 127 milioni hanno completato il ciclo vaccinale.


© Riproduzione riservata