Attualità Questione di autenticità

Firma elettronica: quali vantaggi nel suo utilizzo?

L'utilità della firma elettronica ricopre numerosi ambiti, e permette di semplificare la gestione di numerosi settori

Firma elettronica: quali vantaggi nel suo utilizzo?

Con la continua espansione del fenomeno della digitalizzazione delle industrie e, soprattutto, con il dilagare dell'informatizzazione, la firma elettronica è diventata senza ombra di dubbio uno degli strumenti digitali del quale le piccole e medie imprese non possono più fare a meno. Questo strumento infatti è essenziale per tutte le comunicazioni con la pubblica amministrazione, con i clienti. Con la firma remota è possibile migliorare i processi interni senza dimenticare gli aspetti legati alla sicurezza.

Poiché le esigenze di sicurezza cambiano in base al settore di interesse, la firma elettronica, che viene utilizzata con una maggiore frequenza, è quella standard, per così dire. Affinché la firma elettronica sia in grado di assolvere le funzioni che vengono ampiamente e, molto dettagliatamente, descritte nel Codice dell'amministrazione digitale, è bene che essa assolva alcuni requisiti fondamentali, che le permettano, dunque, di essere universalmente accettata e riconosciuta:

● Autenticità: sebbene ci stiamo riferendo ad una firma elettronica, essa deve comunque essere in grado di assicurare l'identità della persona o, in alternativa, dell'impresa, che firma.

● Non ripudio: questo principio assicura che il documento non possa essere ripudiato da chi lo firma;

● Integrità: la firma elettronica assicura che i documenti non possano essere modificati dopo essere stati firmati.

L'utilità della firma elettronica ricopre numerosi ambiti, e permette di semplificare la gestione di numerosi settori. Perché la firma remota si sta diffondendo così velocemente e, soprattutto, a che cosa serve nello specifico? Una diffusione così rapida e repentina di questo strumento, è da ricondursi, in grande misura, alla sua estrema utilità per le aziende e le industrie, che si ritrovano a fronteggiare numerosi contratti e documenti ufficiali, o che, sempre per fini commerciali e non, sono obbligate ad interfacciarsi con la pubblica amministrazione. Ma non solo. La firma elettronica è addirittura obbligatoria, in alcuni contesti come, ad esempio, quello giuridico (dell'avvocato) che, per poter accedere ad alcuni apparati ministeriali, deve essere in possesso di questo strumento. Per le aziende invece questo strumento è particolarmente utile per autenticare le fatture elettroniche che vengono emesse verso la pubblica amministrazione. Nell'ultimo periodo inoltre questo strumento ha cominciato a venire utilizzato anche per lo scambio di documenti tra i privati stessi, aumentandone di molto di conseguenza la necessità di possederlo.

Quali sono i vantaggi dell'utilizzo della firma elettronica?
Il possesso della firma elettronica porta numerosi vantaggi.. Il primo, e forse anche quello più considerevole, è l'estrema facilità di utilizzo, e, in modo particolare, il fatto che questo venga praticamente ovunque accettato e riconosciuto. Il fatto che alcuni strumenti come la firma elettronica siano in grado di semplificarne ulteriormente la gestione, lo rendono uno strumento molto allettante. Un altro vantaggio interessante è l'incremento della dematerializzazione all'interno dell'ambiente di lavoro. Grazie alla dematerializzazione infatti è possibile non solo ridurre il numero di cartelle in archivio, ma anche, e forse soprattutto, semplificarne ulteriormente la gestione.


© Riproduzione riservata
https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1631185761-3-minauda.jpg