Attualità Presepe Vivente

Il Presepe Vivente di Ispica è tra i 16 più belli d'Italia

Dove Viaggi, la rivista dedicata al turismo del Corriere della Sera, incorona il Presepe Vivente Ispica tra i 16 più belli d'Italia.

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/23-12-2022/il-presepe-vivente-di-ispica-e-tra-i-16-piu-belli-d-italia-500.jpg Il Presepe Vivente di Ispica è tra i 16 più belli d'Italia

Ispica - Dove Viaggi, la rivista dedicata al turismo del Corriere della Sera, incorona il Presepe Vivente Ispica tra i 16 più belli d'Italia. Il Presepe Vivente di Ispica torna nel parco di Cava D’Ispica, dopo due anni di limitazioni a causa del Covid. Torna in tutto il suo splendore per le festività di Natale 2022 lo spettacolo e la poesia delle rappresentazioni della Natività. Oltre cento i figuranti in costume d’epoca, che saranno presenti nel Parco Archeologico di Cava Ispica che con quasi settantamila presenze, nelle ultime tre edizioni è una delle manifestazioni più visitate nel suo genere in Sicilia. Il presepe viviente, valorizza al meglio uno scenario naturale inimitabile, straordinariamente vocato all’allestimento presepiale per la sua somiglianza con i luoghi storici della Palestina.
Le grotte dell’area archeologica di Cava d’Ispica
Il presepe si tiene lungo l'itinerario rupestre a ridosso dell'area archeologica di Ispica, nell'antica Spaccaforno, costituita da grotte in parte naturali in parte scavate dalla mano dell'uomo.
Ci troviamo all'inizio della Cava d'Ispica, canyon naturale lungo quasi 10 km che conduce a Modica, canyon impervio ed ancora inesplorato e ricco di testimonianze di epoche remote.
La Natività di Cristo e la magia del Presepe rivivrà nelle grotte, lungo i sentieri naturali e negli antichi opifici, vissuti sino agli anni 50, di uno dei paesaggi rupestri più suggestivi di Sicilia
Il percorso procede per un Km dal centro storico all’area archeologica della zona strada barriera, tra pareti di nuda roccia illuminate dal fuoco delle torce e dalla luce delle stelle. Più di cento figuranti in costume d’epoca dell’antica Palestina, soldati romani, biga romana e oltre cinquanta tableaux vivants con scene animate di vita agro-pastorale e botteghe di antichi mestieri, decine di ambienti tra chiese rupestri, rifugi e grotte ripopolati da uomini e animali, tra cui anche un mulino ad acqua, un antico palmento settecentesco e un antico oleificio dell’800 che nell’occasione del presepe vengono rimessi in funzione, riprendendo quello che era lo spirito originario dell’antica Betlemme.


Presepe vivente di Ispica: lo spettacolo
La rappresentazione è interamente realizzata per un chilometro e mezzo tra l'antico abitato della città sino all'interno di grotte che annunciano il lungo canyon naturale di Cava d'Ispica.
Inoltre è prevista una natività ad anfiteatro, all’aperto, dove lo spettatore assisterà a narrazioni cantate con attori professionisti e arrangiamenti musicali pensati appositamente per il presepe.
Tra canti della tradizione popolare e scene della Sicilia di un tempo, il presepe presenta animazioni di vita quotidiana che riportano al sapore perduto di una cultura scomparsa, coinvolgendo cento figuranti sotto la direzione artistica di Peppe Galfo, che tra queste povere case nacque negli anni Sessanta e che da bambino respirò questa atmosfera da città perduta.
Natività di Cava d'Ispica: figuranti e attori professionisti
I figuranti sono tradizionalmente reclutati tra gli abitanti della città che abbiano abilità artigianali del passato (intrecciatori di cestini, calzolai, saponari, maniscalchi, etc.) e visi particolarmente espressivi, sopravvive qui infatti il tratto genetico primitivo dei Sicani, dai lineamenti marcati e rugosi.
Accanto a questi figuranti, vestiti con abiti tradizionali siciliani, compaiono una quindicina di attori reclutati dalla direzione artistica di anno in anno per interpretare i testi scritti da Galfo, testi che celebrano ogni anno temi diversi ma sempre incentrati intorno all'identità siciliana ed alla fede.

Oltre 1300 visitatori, provenienti da tutta la Sicilia, hanno voluto esser presenti il 18 dicembre alla prima del Presepe Vivente di Ispica 2022/2023, che con i suoi allestimenti teatrali, musicali e scenografici si preannuncia già come una delle edizioni più visitate di sempre. Dove Viaggi, la rivista dedicata al turismo del Corriere della Sera, incorona il Presepe Vivente di Ispica tra i 16 più belli d'Italia che vale la pena visitare almeno una volta nella vita
Il Presepe Vivente di Ispica 2022/2023 sarà visitabile nelle giornate: 25 e 26 dicembre 2022 e 1,6, 8 gennaio 2023. Apertura dalle 16:30 alle 20:30.


© Riproduzione riservata