Attualità Scicli

Il sindaco di Scicli: dal 15 aprile Scicli può diventare zona arancione

Negli ultimi due giorni sono stati registrati solo due nuovi casi

Il sindaco di Scicli: dal 15 aprile Scicli può diventare zona arancione

Scicli - "Sulla base dei dati comunicati dall’Azienda Sanitaria Provinciale di Ragusa, alla data dell’11 aprile 2021 il numero complessivo dei soggetti positivi al covid-19 a Scicli è di 148, in calo significativo rispetto ad una settimana fa".

A parlare è il sindaco di Scicli, Enzo Giannone. 
"Sulla base delle rilevazioni del Comando della Polizia municipale, elaborati a partire dai dati dell’Asp, nella settimana dal 5 all’11 aprile il numero di nuovi casi di contagi settimanali è stato pari a 25 casi, ben sotto la soglia oltre la quale si mantiene la zona rossa, ovvero 250 nuovi casi settimanali ogni 100.000 abitanti. Tale soglia, rapportata alla popolazione di Scicli, si attesta a 68 nuovi casi settimanali.
I dati della settimana dal 5 all’11 aprile sono quelli che saranno riferiti domani dall’Asp al Presidente della Regione per la valutazione settimanale. Negli ultimi due giorni sono stati registrati solo due nuovi casi.

Quindi l’attuale situazione epidemiologica presente a Scicli, che nella giornata di domani sarà appunto oggetto del report settimanale al Presidente della Regione da parte dell’Asp di Ragusa, avrà la naturale conseguenza che non sussistono più le condizioni per la necessità della zona rossa la cui scadenza è stata fissata al 14 aprile dall’ordinanza del Presidente della Regione n. 33 del 6 aprile. Dal 15 aprile Scicli potrà tornare zona arancione.

Il calo dei contagi, effetto delle misure di contenimento poste in essere nelle ultime tre settimane, e il ritorno alla zona arancione, consentiranno, a partire dal 15 aprile, in applicazione del decreto legge n. 44 del 1° aprile 2021, una serie di riaperture di attività economiche (barbieri, parrucchieri, estetiste, tutti i negozi, i mercati) oltre al ritorno alla didattica in presenza degli studenti delle classi seconde e terze della scuola media e di una percentuale dal 50% e fino al 75% degli studenti delle scuole superiori.

E’ del tutto evidente però che si dovrà continuare a rispettare al massimo le regole anticovid vigenti, a partire dall’uso della mascherina e dal divieto di assembramento, per evitare ogni possibile rischio di risalita della curva dei contagi.
Non si può infatti abbassare la guardia: nonostante la situazione molto migliorata, ancora ieri mattina è scomparso un nostro concittadino, che aveva contratto il virus probabilmente in una struttura ospedaliera, a seguito di un ricovero. Siamo vicini nel dolore ai parenti, ed in particolare alla moglie e al nipote, a noi molto cari.
Per tutto il mese di aprile si continuerà ad effettuare i tamponi rapidi presso il “drive in “ del Centro Comunale della Protezione Civile di contrada Zagarone, il lunedi, mercoledi e venerdi, dalle ore 15:00 alle ore 17:00".


© Riproduzione riservata