Attualità Modica

Il sogno di Antonio Aurnia, una iniziativa a Modica

Recuperare il lascito morale e materiale di Antonio Aurnia e dare forza al ‘sogno’ e all’amore di un padre

Il sogno di Antonio Aurnia, una iniziativa a Modica

Modica - Antonio Aurnia aveva il desiderio di ogni padre: donare alle figlie il domani. Antonio voleva donare alle sue bambine la sua storica boutique, Idea Moda, un pezzo della storia di Modica; la tessera e uno dei simboli della vivace ed endemica economia che è una creatura di Antonio Aurnia: il Polo commerciale. Antonio voleva semplicemente regalare alle sue bambine un futuro. Non c’è riuscito.
"Oggi, noi siamo un gruppo di amici e di imprenditori come lui e siamo uniti dall’idea che affari ed etica non sono concetti antitetici. Noi, guardiamo al domani e vogliamo realizzare il suo ‘sogno’. Abbiamo deciso di mettere nero su bianco un progetto di raccolta fondi con questo unico scopo e contro ogni speculazione -scrive il Polo Commerciale di Modica-. 

"Stiamo costituendo una associazione che si intesterà un crowdfunding per raccogliere la somma necessaria ad acquistare quell’immobile e donarlo alle figlie di Antonio. Senza alcun altro scopo, senza alcun’altra idea se non quella di tracciare un solco per il loro domani.
Noi, siamo fattori di un’iniziativa di sostegno morale e materiale e di un segnale forte a tutti gli imprenditori e all’intera comunità economica: essere buoni imprenditori è possibile, fare affari in maniera etica è possibile, restare umani è possibile, utile e necessario.
L’avvio del progetto è in corso d’opera; in tanti sono già disponibili a dare il proprio contributo ideale, fattivo e concreto: raccogliere i fondi necessari a quella che sarà poi, la donazione. Perché, oltre alla nostra iniziativa, la girandola della solidarietà ha già saputo coinvolgere l’intera comunità modicana, che sta avviando autonomamente progetti di sostegno paralleli, ma che condividono la medesima IDEA di fondo. Tutti uniti dalla stessa IDEA; tutti uniti in un unico obiettivo; tutti insieme.

Il nostro desiderio è che ognuno condivida un progetto che volge lo sguardo a ciò che sarà, che guarda e vuole accompagnare la crescita di due ragazzine a cui regalare il sogno del loro papà. Lo facciamo attraverso la pagina Facebook “Uniti da un’IDEA” e il sito web www.unitidaunidea.org.
È un desiderio, una volontà. È un’IDEA e desideriamo condividere".


© Riproduzione riservata