Attualità Cucina Tradizionale - Ricette

Lo "Sfuogghiu" e il raviolo ragusano sono beni immateriali

Lo "Sfuogghiu" e il raviolo ragusano, sia nella versione dolce che salata, sono diventati eredità immateriali della Sicilia.

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/02-07-2022/lo-sfuogghiu-e-il-raviolo-ragusano-sono-beni-immateriali-500.jpg Lo "Sfuogghiu" e il raviolo ragusano sono beni immateriali

Lo "Sfuogghiu" e il raviolo ragusano, sia nella versione dolce che salata, sono diventati eredità immateriali della Sicilia.
Il Registro delle Eredità Immateriali della Regione Siciliana (REIS) si è arricchito di ben due piatti tradizionali Iblei tipici della cucina tradizionale Siciliana, la cucina delle nostre nonne.

Le Eredità Immateriali, definite dall’UNESCO Intangible Cultural Heritage, sono “l’insieme delle pratiche, rappresentazioni, espressioni, conoscenze e tecniche - nella forma di strumenti, oggetti, artefatti e luoghi ad essi associati - che le comunità riconoscono come parte del loro patrimonio culturale”
U Sfuogghiu è un prodotto della gastronomia Iblea che si prepara, ancora in molte famiglie, la mattina della vigilia di Natale, per essere consumato la sera a base di farina acqua e strutto, condito con ricotta vaccina e salsiccia di maiale. La ricetta dello Sfoglio, in sicliano "U Sfuogghiu" è una ricetta tipica del Natale Ragusano, la cui ricetta veniva generalmente tramandata oralmente di famiglia in famiglia.
Lo Sfuogghiu o Sfoglio viene preparato con una sorta di pasta sfoglia che si prepara rigorosamente con la sugna (saime), ovvero lo strutto di maiale, che conferisce alla preparazione il suo gusto unico. Il ripieno prevede l’utilizzo di due ingredienti tipici della tradizione ragusana, la ricotta rigorosamente vaccina e la salsiccia: la maggior parte delle persone utilizza quella fresca, ma c’è anche chi la preferisce secca

La caratteristica peculiare dello “Sfuogghiu”, che è un rustico da forno, è il gioco di cerchi concentrici presenti su tutta la superficie, la sfogliatura per l'appunto da cui deriva il nome della pietanza.
I ravioli di pasta fresca sia nella versione salate e sia in quella dolce, sono il piatto tipico della domenica negli Iblei I ravioli conditi con ricotta vaccina e rigorosamente conditi con il sugo della carne di maiale e possiamo trovarli sia nella versione dolce ovvero con ripieno di ricotta e zucchero o nella classica preparazione salate. Entrambi le combinazioni, hanno origine antiche ed era prevalentemente una scelta familiare l’utilizzo dello zucchero al posto del sale.
La Commissione, nominata dall’Assessore Beni Culturali e Identità siciliana Alberto Samonà, li ha inseriti nel registro dei Beni Immateriali della Sicilia.
 


© Riproduzione riservata