Attualità Santa Croce Camerina

Nascono le tartarughe nel parco archeologico in Sicilia. VIDEO

Un habitat protetto a Caucana

  • Nascono le tartarughe nel parco archeologico in Sicilia
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-10-2021/1633247573-nascono-le-tartarughe-nel-parco-archeologico-in-sicilia-1-500.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-10-2021/1633247575-nascono-le-tartarughe-nel-parco-archeologico-in-sicilia-2-500.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-10-2021/nascono-le-tartarughe-nel-parco-archeologico-in-sicilia-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-10-2021/1633247573-nascono-le-tartarughe-nel-parco-archeologico-in-sicilia-1-280.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-10-2021/1633247575-nascono-le-tartarughe-nel-parco-archeologico-in-sicilia-2-280.jpg

Santa Croce Camerina - Ad estate archiviata con l’entrata dell’autunno, la natura non smette di stupirci. Censito il 57° nido di tartaruga Caretta caretta in Sicilia, sul litorale del comune di Santa Croce Camerina e precisamente a Caucana, dove sorge il Parco Archeologico di Kaukana con i ruderi di un approdo commerciale di epoca tardo-romana e bizantina.
Una bellissima sorpresa per i gruppi di volontari del WWF e del gruppo Operazione Tarty del luogo. Un nido segnalato da due coniugi ragusani, i signori Nobile, che, nella nottata del 4 agosto avevano assistito meravigliati all’ovodeposizione di un bell'esemplare di tartaruga Caretta caretta. Un momento raro e magico che i coniugi Nobile difficilmente dimenticheranno. Dopo aver segnalato la presenza del nido, i volontari Giombattista Di Giacomo, Roberto Iacono e Silvio Rizzo, si sono subito adoperati a circoscrivere la zona interessata, ma nonostante ciò, dopo una accurata ispezione il nido non era stato individuato.

Ma i volontari non hanno mollato, e in prossimità dei giorni della schiusa hanno monitorato l’area, e sono stati ben premiati con il ritrovamento di innumerevole tracce dei percorsi delle piccole nate, prova inconfutabile della schiusa.
Così sabato 2 ottobre, la dottoressa Oleana Prato, operatrice Life Euroturtles e volontaria biologa del Progetto Tartarughe WWF Italia, ha individuato ed ispezionato il nido, dove sono state censite 100 uova con 94 schiuse e una piccola tartarughina ancora viva che è rimasta indietro rispetto al gruppo che tardava ad uscire. La piccola tartaruga è stata indirizzata ed accompagnata, sotto lo sguardo felice dei volontari fino al mare.
Le spiagge del litorale camarinense, insieme a tantissime altre spiagge siciliane, si confermano anche quest’anno habitat prediletto per le nidificazioni delle tartarughe Caretta caretta.


© Riproduzione riservata