Attualità Ragusa

Prg Ragusa, Schininà cita Renzo Piano e il brutto condominio

"Un brutto libro puoi non leggerlo, una brutta musica puoi non ascoltarla, ma un brutto condominio non puoi non vederlo"

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/17-11-2022/prg-ragusa-schinina-cita-renzo-piano-e-il-brutto-condominio-500.jpg Prg Ragusa, Schininà cita Renzo Piano e il brutto condominio

Ragusa - Cita Renzo Piano l'avvaocato Riccardo Schininà durante il dibattito sul nuovo Piano regolatore di Ragusa alla camera di Commercio: "Un brutto libro puoi non leggerlo, una brutta musica puoi non ascoltarla, ma un brutto condominio non puoi non vederlo".

Lo sfidante del sindaco uscente Peppe Cassì, parlando a nome del progetto politico "GenerAzione", ha commentato il nuovo strumento urbanistico: "La comunità deve conoscere e comprendere sia in termini generali che di dettaglio le tavole progettuali; il singolo cittadino ha diritto in questa fase di sapere semplicemente cosa accadrà di fronte la propria casa o nel proprio quartiere in quanto, come dice Renzo Piano “Un brutto libro si può non leggere; una brutta musica si può non ascoltare; ma il brutto condominio che abbiamo di fronte a casa lo vediamo per forza” - ha detto l'avvocato Riccardo Schininà-. 

Dopo aver eliminato l’asimmetria informativa tra il palazzo e la piazza sarà possibile avviare un reale confronto che consenta al cittadino (inteso sia come singolo che come comunità) di rendersi partecipe e di dare il proprio contributo al futuro della propria città e che consenta al consiglio comunale di adottare il PRG avendo ascoltato la città ed esprimendo al meglio il proprio ruolo rappresentativo.

In concreto: il Comune avrebbe dovuto sottoporre a tutti i cittadini un questionario richiedendo di fare una analisi swat del territorio; il Comune avrebbe dovuto esporre per almeno 2 mesi tutte le tavole progettuali del nuovo PRG e del previgente PRG; il Comune avrebbe dovuto coinvolgere la collettività con azioni di comunicazione, consultazione ed empowerment; il Comune avrebbe dovuto aprire tavoli di lavoro". Tutte cose che non sono state fatte dalla giunta Cassì. 

"Essendo per noi imprescindibile il coinvolgimento della città, ed in conformità con il nostro animo propositivo, saremo noi a sottoporre alla cittadinanza un questionario sulle esigenze urbanistiche della città e saremo noi ad esporre per i mesi di novembre e dicembre tutte le tavole del P.R.G. nel cuore pulsante della citta; un luogo aperto alla cittadinanza dove incontreremo sin dalla prossima settimana singoli cittadini, associazioni di categoria e movimenti per studiare il piano proposto, per rimuovere quella asimmetria informativo oggi esistente e per confrontarci sullo stesso".


© Riproduzione riservata