Attualità L’ultima spiaggia

Referendum no green pass, via alla raccolta firme online: i quattro quesiti

Una battaglia persa in partenza, se non altro per i tempi necessari per portare la gente ai seggi

https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-09-2021/referendum-no-green-pass-via-alla-raccolta-firme-online-i-quattro-quesiti-500.jpg Referendum no green pass, via alla raccolta firme online: i quattro quesiti

 Ragusa – E’ da poco partita su referendumnogreenpass.it la raccolta firme online per chiedere il referendum per l’abrogazione dell’obbligo del green pass: è l’ultima spiaggia dopo i ricorsi respinti in ogni sede giudiziaria per i promotori, che vedono nel certificato verde uno “strumento di discriminazione che collide con i principi fondamentali del nostro ordinamento giuridico e mira a creare fazioni e instillare l’odio sociale”. Quattro le domande proposte dal Comitato, su altrettanti decreti legge approvati dal governo in questi mesi.

1 Volete che sia abrogato il Dl 22/4 n. 52 (Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell’epidemia da Covid-19) convertito dalla legge 17/6 n. 87, limitatamente all’art. 9 (Certificazioni verdi) e successive modifiche ed integrazioni?
2 Volete che sia abrogato il Dl 23/7 n.105 (Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica e per l’esercizio in sicurezza di attività sociali ed economiche)?
3 Volete che sia abrogato il Dl 6/8 n. 111 (Misure urgenti per l’esercizio in sicurezza delle attività scolastiche, universitarie, sociali e in materia di trasporti)?
4 Volete che sia abrogato il Dl 10/9 n. 122 (Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza in ambito scolastico, della formazione superiore e socio sanitario-assistenziale)?

In poche ore il sito è stato assaltato, raccogliendo migliaia di adesioni. L’obiettivo è raccogliere il mezzo milione di firme necessarie entro fine ottobre ma - tra verifiche della Cassazione e valutazione di ammissibilità della Corte Costituzionale - non se ne parlerà di chiamare gli elettori alle urne prima dell’aprile 2022, quando si spera che non ce ne sarà più bisogno.


© Riproduzione riservata