Attualità Regionali in Sicilia

Renato Schifani nuovo presidente della Regione Siciliana

Cateno De Luca ammette la sconfitta: «Io ho perso, ma i siciliani non hanno vinto»

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/26-09-2022/renato-schifani-nuovo-presidente-della-regione-siciliana-500.jpg Renato Schifani nuovo presidente della Regione Siciliana

Palermo - Secondo la terza proiezione di Opinio Italia per la Rai, Renato Schifani, candidato presidente della Regione del centrodestra, è in testa con il 42%. Secondo è Cateno De Luca, di Sicilia Vera, con il 22,6%. Seguono l'eurodeputata del Pd Caterina Chinnici, candidata del centrosinistra, col 17%, e Nuccio Di Paola, del M5s, con il 16,1%. I dati si riferiscono a un campione del 43%. In Sicilia è possibile il voto disgiunto e, secondo la proiezione del consorzio, la coalizione del centrodestra avrebbe ottenuto il 48,4%, il 6,4% in più del proprio candidato governatore.

Dato invertito per De Luca avrebbe ottenuto il 4,6% in più dei voti del suo movimento (18%). Il voto disgiunto ha interessato, ma in maniera minore, anche gli altri due candidati che hanno avuto più preferenze di quelle ottenute dalla coalizione: la Chinnici al 17%, contro il 16,1% del centrosinistra, e Nuccio Di Paola, col 16,1%, contro il 15,4 del M5s. Sempre secondo le proiezioni del Consorzio Opinio Italia per la Rai, alle elezioni Regionali in Sicilia, con una copertura del campione del 43%, la lista di FdI è quella più votata con il 15,8%. Seguono: M5S 15,4%, Sud Chiama Nord 15%, Pd 12,5%, Fi 12%, Lega 7,6%, Popolari e autonimisti 7%, Dc 6%, Cento Passi 3,6%, Sicilia Vera 2,1%, azione-Italia Viva 1,5% e altri 1,5%. 

Cateno De Luca ammette la sconfitta: «Io ho perso, ma i siciliani non hanno vinto»
«Io ho perso. Ma non credo che i siciliani abbiano vinto ...». Lo ha scritto Cateno De Luca su Facebook» annunciando che alle ore 19 sarà in diretta FB da Piazza Matrice a Fiumedinisi dove esprimerà il suo pensiero sul risultato delle elezioni regionali. Temuto dai competitor politici per il suo appeal elettorale e la sua capacità di interessare gli interlocutori. Impossibile, in Sicilia, ignorare Cateno De Luca. Per la sua forte personalità sfociata in una campagna elettorale a tratti aggressiva tanto da fargli confermare il soprannome di 'Scatenò. E’ stato presente sul territorio, battuto palmo a palmo, e 'assillantè sui social, con comunicati e video. Cateno De Luca, leader di Sicilia Vera, sposato, due figli, è stato un 'fintò outsider delle Regionali nell’isola: i dati lo danno secondo per il ruolo di governatore, dietro al candidato del centrodestra, Renato Schifani, nella successione a Nello Musumeci, ma non ha perso la speranza di coronare il suo sogno da bambino, mai nascosto: diventare presidente della Regione. Anzi, per dirla alla sua maniera, 'sindaco di Sicilià. Aspetta l’esito ufficiale del voto all’Ars, convinto di essere ancora in corsa per la vittoria perché ritiene i sondaggi 'farlocchì, nella casa di campagna nella natia Fiumedinisi, nel Messinese, postando foto mentre cucina all’aperto e «mangiando un bel galletto ruspante bollito nel mio angolo di paradiso e poi porto a spasso il mio vitellino Valentino».

E' conosciutissimo in Sicilia, meno fuori dall’isola, ma il suo movimento è presente anche in Calabria, Puglia, Emilia-Romagna e Abruzzo. E il suo sguardo va oltre lo Stretto. Perché Cateno De Luca coltiva un altro sogno: diventare premier. Intanto con il suo movimento è riuscito a fare eleggere, in altrettanti collegi uninominali partendo dalla sua 'roccafortè, Messina, due parlamentari con la lista che richiama il suo nuovo sogno 'Sud chiama Nord De Luca sindaco d’Italià: Dafne Musolino al Senato e Francesco Gallo alla Camera. In campagna elettorale si è presentato con un programma concentrato in dieci punti e come l'alternativa alla politica tradizionale, nonostante sia stato sindaco di tre Comuni, due volte a Fiumedinisi, dove è nato, a Santa Teresa Riva e Messina, con più passaggi da deputato all’Assemblea regionale Siciliana.

Tra le 'immaginì del suo passato che hanno portato al soprannome di 'Scatenò, quella del dicembre del 2007 quando, allora parlamentare del Mpa, per protesta si è spogliato nella sala stampa dell’Ars rimanendo coperto soltanto da una bandiera giallorosa con la Trinacria, simbolo della Sicilia, legata alla vita. Durante il lookdown per l’emergenza coronavirus si è reso protagonista, da sindaco di Messina, di dure proteste agli imbarcaderi che hanno portato allo 'scontrò anche col Viminale. Nella Città dello Stretto è riuscito a fare eleggere come suo successore il suo vice, Federico Basile, che ha ottenuto anche il premio di maggioranza in consiglio comunale. De Luca sa essere una 'macchinà elettorale. Gestisce la sua campagna con l’abilità di chi sa come convogliare il dissenso e con l’attenzione alle esigenze delle persone che conosce bene anche per il suo ruolo di leader nei patronati Fenapi, con centinaia di sedi in tutta Italia. Durante la campagna elettorale ha fatto tappa in 320 comuni della Sicilia e si è fatto appoggiare da trecento candidati in 39 liste. E annuncia che è soltanto l’inizio per la crescita del suo movimento, quello di 'Scateno.


© Riproduzione riservata