Attualità Sicilia

Scuola, si parte: le nuove regole dall’asilo alle superiori PDF

Primo squillo di campanella giovedì 16 settembre, ecco come si torna in classe

Primo squillo di campanella giovedì 16 settembre, ecco come si torna in classe

Ragusa - In molte regioni il nuovo anno scolastico 2021/22 riparte oggi, in Sicilia si comincia invece giovedì prossimo. Giusto il tempo delle presentazioni, prima del weekend: il perché di questa strana giornata infrasettimanale andrebbe chiesto all’assessore all’Istruzione Roberto Lagalla. Quello alla sanità Ruggero Razza invece, d’accordo col governatore Nello Musumeci, ha già diramato le regole d’ingresso per ogni ordine e grado. Riassumiamo di seguito i principali punti della circolare con le indicazioni operative, che potete scaricare in allegato. 

Per quanto riguarda le modalità di accesso alle strutture, le disposizioni nazionali sul controllo del green pass sono estese dal personale scolastico interno (docenti, bidelli e impiegati amministrativi) a quello esterno (operatori e collaboratori vari) e agli stesso genitori degli alunni. L’avvenuta vaccinazione sarà verificata esclusivamente attraverso l’apposita app del Miur. Per gli studenti non è previsto alcun obbligo vaccinale o esibizione di tampone negativo entro 48 ore (tranne che per gli allievi degli Its e gli adulti frequentanti corsi di formazione) ma chiunque, alla rilevazione del termo scanner all’entrata, risulti avere una temperatura corporea superiore a 37.5 dovrà tornarsene a casa.

E’ confermato l’uso di mascherine per ogni lavoratore presente a vario titolo nell’istituto e per gli alunni, ad eccezione dei minori fino a 6 anni e dei soggetti con disabilità. È concessa una deroga alle classi composte da studenti che abbiano tutti completato il ciclo vaccinale, fermo restando anche per loro il distanziamento interpersonale di almeno un metro tra un banco e l’altro.

La stagione comincerà in presenza al 100% ma, in caso di criticità epidemiologiche o focolai a livello territoriale, la sospensione totale o parziale della didattica può essere disposta dal presidente della Regione in presenza di una classificazione del rischio in “zona arancione” o “rossa”. Per emergenze specifiche a carattere locale, il ricorso alla dad può essere deciso direttamente dal sindaco previo parere positivo dell’Asp di competenza.

Le Usca potranno accedere, negli istituti che ne faranno richiesta, per promuovere le vaccinazioni sia tra i giovani della fascia 12-19 anni che nell’organico scolastico. In particolare, nelle scuole primarie e secondarie di primo grado, si procederà a un regolare monitoraggio sanitario a campione con tampone salivare, secondo i criteri fissati dall’Iss. L’Asp comunicherà il calendario degli accessi a cadenza quindicinale in scuole diverse, dette “sentinella”, così che il preside possa individuare il gruppo di ragazzi da inserire nello screening, col consenso dei genitori. Per avere il polso degli eventuali contagi, bisognerà testare almeno 4.856 alunni ogni due settimane.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1631878282-3-crai.gif

I giorni di attività didattica saranno 207, o 206 se la festa del Santo Patrono locale ricadrà in un giorno feriale. L’anno scolastico terminerà il 10 giugno 2022, le scuole dell’infanzia il 30. Le vacanze di Natale saranno dal 23 dicembre al 6 gennaio 2022, quelle di Pasqua dal 14 al 19 aprile. Il 15 maggio, festa dell’Autonomia Siciliana, sarà dedicata a momenti di aggregazione per lo studio dello Statuto e l’approfondimento di tematiche connesse alla storia e all’identità regionale.

Allegati alla news


© Riproduzione riservata
https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1631185761-3-minauda.jpg