Attualità Siracusa

Sgarbi: Il Caravaggio non torna domani

Non sarà più collacato in Ortigia, ma alla borgata

Sgarbi: Il Caravaggio non torna domani

Siracusa - Questa mattina, la Soprintendenza di Siracusa ha annunciato il rientro nella giornata di domani a Siracusa del Seppellimento di Santa Lucia, opera di Michelangelo Merisi detto il Caravaggio. La sistemazione non più nella chiesa di Santa Lucia alla Badia, in piazza Duomo, ma nella chiesa di Santa Lucia al Sepolcro.

Ma il presidente del Mart di Rovereto, Vittorio Sgarbi, che ha in custodia l'opera, annuncia che la data del rientro slitterà. “La Sovrintendente di Siracusa Aprile ha diffuso una informazione basata su dati presunti che contraddicono, però, quelli di fatto, essendo che la mostra, al di là del chiusura del museo, fin dall’inizio è stata programmata dal 9 ottobre al 4 dicembre. E’ evidente che prima che il Tar si pronunci sulla illegittimità della chiusura dei musei, il dipinto non può ripartire. In ogni caso regole elementari di sicurezza e di tutela impongono che al momento dello smontaggio siano presenti i restauratori dell’Istituto centrale del restauro, che non potranno arrivare a Rovereto prima del 5 dicembre, in quanto presenti a Siracusa per predisporre le condizioni ottimali per il dipinto”. 

“Come comunicato al Fec (Fondo edifici di culto) il dipinto potrà partire presumibilmente nella giornata del 6 per essere, come si era sempre previsto, a Siracusa entro l’8 dicembre. Questo anticipo consente, come si era programmato, la presentazione dell’operazione, compiuta grazie all’intervento del Mart, in presenza mia e del ministro dell’Interno Lamorgese, con il quale è stata concordata la presenza a Siracusa per il 10 dicembre, salvo controindicazioni legate alla situazione sanitaria. Fin dal 10 dicembre – conclude Sgarbi – l’opera potrà dunque essere ricollocata nella sua sede originaria in attesa della festa del 13 dicembre”. 


© Riproduzione riservata