Attualità Esami

Sicilia, abilitazione avvocati, solo la metà idonea

Caltanissetta ultima in Italia

Sicilia, forche caudine per diventare avvocati: idonei meno della metà

Palermo - Esame di abilitazione alla professione di avvocato. Su 18.037 candidati dell’ultima tornata di esami a livello nazionale, quella del 2019, solo 8.150 hanno avuto finora un esito positivo, ovvero il 45,18%. Gli esami si svolgono nelle città sedi di Corte d’appello e a valutare gli elaborati sono commissioni provenienti da altre Corti scelte tramite sorteggio. La sede con la percentuale più alta di promossi risulta Torino con il 60,66%, mentre la sede di esame con la valutazione più severa è Caltanissetta con nemmeno il 25% di candidati idonei.

In Sicilia si sono registrati questi dati: a Palermo (commissione proveniente da Catanzaro), su 1.016 elaborati sono stati giudicati in maniera positiva 584 compiti (57,04%); a Messina, su 306 elaborati esaminati dalla commissione proveniente da L’Aquila, sono risultati idonei quelli di 145 aspiranti avvocato (47,3%); a Catania (commissione di Firenze), su 776 compiti, idonei in 335 (43,1%); a Caltanissetta (commissione di Trento), su 197 compiti solo 48 sono stati considerati sufficienti, pari al 24,3%. In totale, quindi, su 2.295 aspiranti siciliani, gli idonei sono solo 1.112, poco meno della metà. 


© Riproduzione riservata