Attualità

Teatro: 'Don Giovanni involontario' al Biondo di Palermo

https://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/06-12-2022/1670332507--news-ragusa.jpg&size=749x500c0 Teatro: 'Don Giovanni involontario' al Biondo di Palermo

PALERMO, 06 DIC Prima nazionale, il 9 dicembre alle 21, al teatro Biondo di Palermo, per "Don Giovanni involontario" di Vitaliano Brancati, regia di Francesco Saponaro, con Fabrizio Falco protagonista, nel ruolo di Francesco Musumeci.
    Il testo di Brancati, parente stretto del "Bell'Antonio" e di "Paolo il caldo", attraversa le tappe amorose di un borghese pigro e mammone, collezionista di donne fino al disgusto, che ha scelto per le sue imprese galanti una bella casa accanto al cimitero. Il protagonista è un venticinquenne dagli slanci amatori ossessivi, poi un quarantacinquenne che abbandona la sposina giovane e, infine, un cinquantottenne in pieno disfacimento già sul letto di morte.
    La pièce teatrale dell'autore siciliano fu censurata in epoca fascista e alla pubblicazione il testo stravolse l'iconografia siciliana tradizionale, portando con sé la celebrazione della bellezza, della sensualità e della freschezza dell'Isola.
    "Musumeci spiega il regista non sa amare. Si innamora, insegue disperato la preda e poi quando l'ha raggiunta ecco svanire tutto nella noia profondissima. Il gioco perverso si ripete fino alla rovina. La sua è una patologia bulimica, frutto della pressione di un padrepadrone e di un'Italietta panfascista intrisa di retorica e di morbose e ossessive attenzioni materne. Il suo immaginario erotico tocca forse il punto più basso della scala evolutiva e, anche per questo, il protagonista è un nostro contemporaneo".
    Interpreti, insieme a Falco, sono Antonio Alveario, Giovanni Arezzo, Simona Malato, Annibale Pavone, Claudio Pellegrini, Chiara Peritore, Irene Timpanaro, Daniela Vitale. Lo spettacolo, prodotto dal Biondo insieme all'Associazione Casa del Contemporaneo di Salerno, replica fino al 18 dicembre. (ANSA).
   


© Riproduzione riservata