Attualità Ragusa

Vaccini, Aliquò deluso e amareggiato: Io tradito dai miei collaboratori

Il manager non si dà pace: I dirigenti da lui nominati hanno vaccinato, a sua insaputa, i propri parenti

Vaccini, Aliquò deluso e amareggiato: Io tradito dai miei collaboratori

Ragusa - Delusione e amarezza. Sono i sentimenti che prova il manager dell'Asp di Ragusa Angelo Aliquò all'indomani della scoperta che alcuni alti dirigenti dell'azienda sanitaria hanno fatto vaccinare -a sua insaputa- parenti e amici. 

Tra i "furbetti" del vaccino il marito, la figlia e la madre di un'alta dirigente dell'Asp del Distretto di Modica, la moglie dell'ex responsabile del servizio vaccinazioni dello stesso distretto, il marito della sua sostituta, poi dimessasi. Ci sono anche cinque ex sindaci di Scicli. Tutti finiti nell'elenco dei possibili 'furbetti' del vaccino, cui avrebbero avuto accesso. E la figlia di una altra dirigente Asp, ragazza che fa tutt'altro lavoro, e che ha un contratto triennale di consulenza con l'Asp, anche lei vaccinata, a insaputa del manager. 

Intanto da ieri il dottor Piero Bonomo ha la responsabilità di gestione e coordinamento delle attività vaccinali del distretto di Modica. Afferma il direttore generale dell'Azienda sanitaria provinciale, Angelo Aliquò: "Con grande delusione, devo confermare che a distanza di qualche giorno e dall'esame degli elenchi dei vaccinati forniti, quello che in un primo momento era stato con forza negato dai diretti interessati, invece si è rivelato vero. Sono stati vaccinati mogli, mariti, figli. Parenti che non avevano alcun diritto a ricevere in questa fase il vaccino. Ed è vero che tra i soggetti che hanno coinvolto i familiari, c'è anche una dirigente e del personale direttamente impegnato nella organizzazione delle vaccinazioni. Tradito e deluso. Anche se probabilmente non si configura un reato, la questione è molto imbarazzante".


© Riproduzione riservata