Attualità Avanti il prossimo

Vaccini Covid: Sicilia sempre ultima, Musumeci butta tutti dentro

In frigo quasi 400mila dosi: dopo le isole minori, i comuni montani Covid-free, poi i “Blue Pass”

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/12-05-2021/vaccini-covid-sicilia-sempre-ultima-musumeci-butta-tutti-dentro-500.jpg Vaccini Covid: Sicilia sempre ultima, Musumeci butta tutti dentro

 Ragusa – La nuova settimana non rivede il fondo della classifica nazionale delle somministrazioni, capitanata dalla Puglia. L’unica regione del Sud nella parte alta dell’elenco è prima e con il 95,4% delle dosi inoculate, supera il Veneto (95%), facendo meglio anche di Lombardia e Liguria (entrambe al 94,3). Sono ancora quasi 394mila invece i vaccini anti Covid in giacenza nei freezer siciliani. L’Isola (81,6%) è ancora ultima e non riesce a staccarsi dalla zona retrocessione, condivisa insieme alla Sardegna (81,7) e al Friuli (84,6) dell’aperturista Fedriga. La Calabria (84,8) sale invece in quartultima posizione. Sull’Isola l’apertura degli Open week vaccinali ai 50-59enni non ha prodotto i risultati sperati ma, fino a domenica, sono stati chiamati a raccolta senza prenotazione solo quelli affetti da gravi patologie. Il resto del target non affetto da malattie dovrebbe cominciare ad essere vaccinato su appuntamento da giovedì prossimo, 13 maggio. Contattata ieri dal Sole 24 Ore, la Regione Siciliana ha risposto che, in realtà, non ha ancora un piano con la data di apertura “perché deve essere la struttura commissariale nazionale a dare indicazioni su quando poter avviare le vaccinazioni per gli under 60: comunque, in via previsionale, contiamo di terminare gli ultra 60enni e fragili entro il mese di maggio”.

Ad ogni modo solo dal weekend si potrà apprezzare un cambio di passo nei numeri: i 50enni sono senz’altro più desiderosi per motivi lavorativi e sociali di tornare liberi dal virus, dunque dal prossimo weekend la situazione dei grandi numeri non potrà che migliorare. La riluttanza verso il vaccino riguarda infatti gli over 70. Non solo quello Astrazeneca a dire il vero, il che lascia presupporre che a tenere lontani gli anziani non sia solo la famigerata psicosi ma anche i problemi organizzativi: i lunghi tempi di attesa registrati ancora in molti hub, nonostante l’adesione non proprio massiccia; e soprattutto il piano di vaccinazione a domicilio, rimasto sostanzialmente al palo. Non ci sono solo i “senior”. Musumeci raschia il fondo di una campagna in saldo, buttando come un fuochista tutti nella caldaia: giovani fragili, isolani degli arcipelaghi, maestre, prof e bidelli. Finiti gli atolli, si passa ai paesini di montagna. Se davvero attecchisse l'idea di un consigliere comunale di Tusa, di istituire un 'BluePass' per vaccinare tutti i residenti delle 10 Bandiere Blu siciliane, alla provincia iblea andrebbe di lusso visto che da sola ne conta 4: a Ragusa, Pozzallo e Ispica da quest'anno s'è aggiunta Modica.


© Riproduzione riservata