Attualità Spumanti siciliani

Vini, che buono Hic Est XXII

Nero d’Avola e Frappato vinificati in bianco

Vini, che buono Hic Est XXII

Chiaramonte Gulfi -  Uno spumante siciliano davvero buono. E' Hic Est XXII della cantina Gurrieri. Una bollicina ottenuta dalla vinificazione in bianco di Nero d’Avola e Frappato. 

Uno spumante, estremamente curato, segue tutte le tappe previste dalla lavorazione del metodo Classico con un affinamento sui lieviti di 22 mesi. Remuage manuale per questa eccellenza prodotta in soli 1.300 esemplari. Le uve provengono da vigne situate ad un’altitudine compresa fra i 280 e i 290 metri sopra il livello del mare, nelle contrade Biviere e Fegotto di Sotto, del comune di Chiaramonte Gulfi.

Nel bicchiere si presenta con un bel colore giallo dai riflessi rosati e un perlage minuto, fine e continuo. Al naso è immediato e propone note classiche di crosta di pane che lasciano spazio a delle percezioni di frutta a polpa rossa. In bocca ha un’entratura lineare, fruttata, ricca. Le bollicine avvolgono il palato, lungo e persistente, con una chiusura ricca di personalità.

Ottima scelta per l’aperitivo, eccellente con il pesce crudo, si abbina bene a molti piatti della cucina di mare e può accompagnare anche qualche preparazione più impegnativa grazie alla sua consistenza associata ad un sorso di rara dinamicità. Una proposta inedita ed interessante.


© Riproduzione riservata