Auto e motori Maranello

La Ferrari assume 50 persone. 7500 euro di premio a dipendente

La Ferrari delibera cinquanta assunzioni per l’inizio del 2021. E distribuisce premi di produttività in piena pandemia

  • La Ferrari assume 50 persone. 7500 euro di premio a dipendente
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/08-02-2021/1612779137-la-ferrari-assume-50-persone-7500-euro-di-premio-a-dipendente-1-500.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/08-02-2021/la-ferrari-assume-50-persone-7500-euro-di-premio-a-dipendente-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/08-02-2021/1612779137-la-ferrari-assume-50-persone-7500-euro-di-premio-a-dipendente-1-280.jpg

Maranello, Modena - Cinquanta assunzioni nel 2021. Il numero dei dipendenti Ferrari a Maranello continua a crescere: nel 2021 si registra già l’inserimento di 50 nuovi addetti nello stabilimento di Maranello, per il passaggio sui due turni del reparto Carrozzeria 8 cilindri previsto tra aprile e maggio. La Ferrari ha introdotto nel mese di aprile per far fronte all’epidemia il programma «Back on Track» con l’obiettivo di rendere più sicuro il luogo di lavoro e promuovere il benessere psicofisico dei dipendenti.

I dipendenti degli stabilimenti italiani della Ferrari riceveranno inoltre, per il 2020, un premio di competitività per un valore base complessivo di 7.500 euro lordi. Tale valore può essere riparametrato in base al numero di assenze, tra le quali non sono conteggiate quelle per il Covid. Lo ha reso noto la casa di Maranello ai sindacati firmatari dell’accordo sul premio di competitività. I dipendenti della Ferrari nel 2020 sono aumentati del 6,3% a oltre 4.500 in tutto il mondo, la maggior parte in Italia.

Assenze per il Covid non conteggiate
Il riconoscimento del premio - spiega la casa di Maranello - si aggiunge alle importanti misure già condivise che consentono di considerare come giorni lavorativi anche quelli del periodo di sospensione dell’attività produttiva, dal 16 marzo al 4 maggio 2020. Durante queste sette settimane i dipendenti, la cui mansione era incompatibile con il lavoro a distanza, hanno ricevuto regolare stipendio, senza ricorso agli ammortizzatori sociali ma con permessi retribuiti a carico dell’azienda. Non saranno considerate ai fini del calcolo dell’entità del Premio neppure le assenze che, sulla base di specifiche certificazioni, risultano causate dall’evento straordinario della pandemia.


© Riproduzione riservata