Benessere Dimagrimento

Dieta della luna: come funziona e perché fa dimagrire

Nella versione base la dieta della luna prevede 24 ore di digiuno durante le quali è ammesso bere solo l'acqua e un succo di frutta

Come perdere peso con la dieta della luna

La dieta della luna come si può intuire dal suo nome è una dieta dimagrante e depurativa che si basa sulle fasi lunari. Può essere seguita solo per un massimo di 3 giorni e promette di farci perdere dai 2 ai 4 chili. La si può fare solo una volta al mese scegliendo una fase lunare. Si tratta di una dieta resa popolare da alcuni personaggi dello spettacolo che l'hanno provata. Il sito Moon Connection che la propone la spiega partendo dall'assunto che il nostro corpo è composto prevalentemente di acqua. Pertanto come la luna è grado di influenzare le maree sarebbe capace di fare lo stesso anche con l'acqua contenuta nel nostro organismo, in quanto pure questa soggetta alla forza gravitazionale.

Esistono due versioni di questa dieta singolare e per certi aspetti stravagante: quella base e quella estesa. Nella versione base la dieta della luna prevede 24 ore di digiuno durante le quali è ammesso bere solo l'acqua e un succo di frutta e verdura durante la luna nuova o piena. In tal modo, secondo gli ideatori della dieta, il nostro corpo andrebbe incontro a un processo di purificazione che ci consentirebbe di perdere fino anche a 6 chili d'acqua. Alla luna piena segue la fase della luna calante. In questa fase la dieta della luna favorisce la disintossicazione e anche la perdita di acqua in eccesso nel nostro organismo, pertanto è indicata una dieta ipocalorica. In questa fase abbiamo meno appetito e quindi risulta più facile non solo dimagrire ma anche mantenere il peso. In questa fase sono ammessi anche i cibi solidi e si consiglia di bere 8 bicchieri di acqua al giorno. Per le 24 ore di durata della luna nuova invece si consiglia di evitare gli alimenti solidi, si consiglia di assumere thè verde e infusi e al limite di solido un'insalata di tarassaco che è depurativa. Nel periodo di digiuno in particolare si consiglia di bere acqua naturale e tisane. In effetti le tisane depurative possono aumentare l'effetto drenante delle fasi lunari. Oltre che al tarassaco possiamo provare le tisane al finocchio e al carciofo. Il periodo della luna crescente invece sarà la fase più difficile di questa dieta che culminerà con la luna piena. In particolare oltre ad evitare i grassi e i dolci bisognerà smettere di mangiare dopo le 18 del pomeriggio. Tra le 15 e le 17 si consiglia di bere più liquidi per tenere sotto controllo l'aumento di appetito che si farà sentire nelle ore serali prima di andare a dormire.

Dieta della luna: vantaggi e controindicazioni
La dieta della luna ha un effetto disintossicante, in particolare aiuta fegato reni ed intestino ad eliminare le tossine, drena i liquidi in eccesso. Tuttavia con questa dieta si perde solo acqua ma non grasso, per questo la si definisce una dieta che depura l'organismo e sgonfia la pancia ma non si può dire una vera e propria dieta dimagrante per perdere peso. Trattandosi di una dieta liquida può essere seguita per non più di una volta al mese perchè la mancanza di proteine e carboidrati potrebbe procurare danni alla salute. Inoltre è controindicata a chi soffre di pressione bassa e diabete, per cui prima di iniziarla, come per qualsiasi altra dieta, è sempre indicato chiedere il parere del proprio medico.


© Riproduzione riservata