Benessere Dieta e alimentazione

Dieta a eliminazione per depurarsi e sgonfiare la pancia

Una dieta d’eliminazione può essere una buona idea e un’ottimo strumento per evitare alcuni sintomi spiacevoli di condizioni gastrointestinali, come la sindrome dell’intestino irritabile e reflusso gastroesofageo.

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/26-09-2022/dieta-a-eliminazione-per-depurarsi-e-sgonfiare-la-pancia-500.jpg Dieta a eliminazione per depurarsi e sgonfiare la pancia

Dieta d’eliminazione: ecco come seguirla nel modo più sicuro
La dieta a eliminazione è un approccio all’alimentazione che può rivelarsi molto utile per identificare casi di intolleranze, sensibilità o allergie a determinati cibi. Lo schema è un valido alleato quando si tratta di alleviare sintomi come il gonfiore addominale o la costipazione, è molto semplice e si basa sul fatto di eliminare quegli alimenti che si sospetta che il corpo abbia difficoltà a tollerare.
Esiste il rischio di sviluppare carenze nutrizionali con qualsiasi cambiamento dietetico importante ed è importante assicurarsi di seguire la dieta in modo efficace per ottenere i migliori risultati.
Una dieta d’eliminazione può essere una buona idea e un’ottimo strumento per evitare alcuni sintomi spiacevoli di condizioni gastrointestinali, come la sindrome dell’intestino irritabile e reflusso gastroesofageo. Molto spesso i sintomi possono essere davvero dolorosi, gravi soprattutto se non sappiamo da cosa possano dipendere o cosa ci sta succedendo. Ovviamente intraprendere questa tipologia di dieta senza il consiglio e l’aiuto del nostro medico.
Dieta d’eliminazione, come usarla con una totale sicurezza
Le diete di eliminazione comuni includono la dieta a basso contenuto di FODMAP o la dieta di eliminazione dei sei alimenti, che generalmente si svolgono nell’arco di diverse settimane o mesi. Gli esperti di gastroenterologia consigliano di non superare le sei settimane per questa dieta, in quanto potrebbero presentarsi effetti negativi sulla nostra salute e sul nostro microbioma intestinale.
Una dieta di eliminazione è un metodo per identificare gli alimenti a cui una persona è intollerante o sensibile. Un individuo può iniziare una dieta di eliminazione per aiutare a identificare gli alimenti problematici nella loro dieta che causano sintomi. La durata di una dieta di eliminazione può variare a seconda del tipo e di quanti alimenti vengono eliminati e poi reintrodotti o contestati. Una delle diete di eliminazione più utilizzate e scientificamente supportate è la dieta a basso contenuto di FODMAP. Questa dieta esclude gli alimenti che contengono composti chiamati FODMAPS che causano sintomi digestivi negli individui con IBS. Questa dieta di eliminazione può richiedere da 10 a 16 settimane per tutte e tre le fasi: eliminazione, reintroduzione e personalizzazione.

Quali sono i passaggi da fare per la Dieta d’eliminazione?
Gli alimenti ad alto contenuto di FODMAP includono alcune verdure come cipolla e aglio, alcuni frutti, soprattutto frutta denocciolata, fagioli e lenticchie. Se sospettiamo che un’alimento può crearci questi problemi intestinali, vale la pena eliminarlo per alcune settimane e vedere se i nostri sintomi migliorano. Tuttavia se non siamo sicuri di quali alimenti possano darci problemi o se ci è stata diagnosticata una condizione davvero particolare, fare una dieta d’eliminazione e seguire alcuni di questi passaggi può essere fondamentale.
Dieta a eliminazione per depurarsi e sgonfiare la pancia
Questa fase è in genere di 2-6 settimane in cui tutti gli alimenti potenzialmente problematici vengono eliminati dalla dieta. Entro la fine di questa fase i sintomi dovrebbero essere completamente scomparsi. Alcuni studi al riguardo hanno suggerito che le persone che hanno applicato l’eliminazione di alcuni alimenti, hanno riscontrato meno gonfiore e dolore. Una dieta di eliminazione ha ottenuto la remissione nel 43% dei partecipanti allo studio con esofagite eosinofila, indipendentemente dall’età.

Reintroduzione
Questa fase può richiedere da 4 a 8 settimane, a seconda del numero di alimenti che vengono sfidati. Durante questa fase, gli individui dovrebbero continuare a eliminare tutti gli alimenti problematici, con l’aggiunta del cibo che viene sfidato per valutare se sta causando i sintomi problematici. Ogni alimento potenzialmente problematico viene sfidato individualmente e la quantità viene incrementata progressivamente per capire se la persona è intollerante a questo alimento e in quale quantità i sintomi iniziano a presentarsi.

Integrazione/personalizzazione
La fase finale di una dieta di eliminazione è quella in cui i risultati delle sfide alimentari vengono esaminati e discussi. Inoltre, possono essere prescritte altre sfide in cui viene introdotto più di un alimento problematico contemporaneamente. Infine, si può discutere l’uso di integratori, enzimi digestivi o probiotici. In questa fase è consigliabile cucinare i pasti utilizzando ingredienti crudi, in modo da sapere esattamente cosa si sta consumando. Spesso gli alimenti trasformati contengono aromi, come cipolla o aglio in polvere, che possono scatenare sintomi anche in piccole quantità.
Gli alimenti trasformati che contengono molti zuccheri nascosti, dolcificanti, additivi ed emulsionanti possono avere un impatto negativo sui batteri che vivono nell’intestino, portando quindi a una maggiore infiammazione e a un peggioramento dei sintomi dell’IBS. Molte persone notano un rapido miglioramento della loro digestione semplicemente eliminando gli alimenti trasformati e passando invece a cibi integrali fatti in casa.
 


© Riproduzione riservata