Benessere Dieta e alimentazione

Dieta e Colesterolo alto, l’aiuto arriva dalla cena

Un aiuto importante arriva dalla cena, soprattutto se si consuma un determinato alimento: ecco di che cosa si tratta, scopriamolo insieme.

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/29-09-2022/dieta-e-colesterolo-alto-l-aiuto-arriva-dalla-cena-500.jpg Dieta e Colesterolo alto, l’aiuto arriva dalla cena

Il colesterolo alto è una patologia che può essere controllata e abbassata con una giusta dieta.
Se le analisi del sangue hanno messo in evidenza livelli di colesterolo troppo alti, cosa si può fare per limitare i danni? Tanto per cominciare, si può cambiare stile alimentare. La scelta di certi alimenti favorisce infatti l'eliminazione del colesterolo LDL, detto anche “colesterolo cattivo”, e diventa un'arma per combattere l'ipercolesterolemia.
Un aiuto importante arriva dalla cena, soprattutto se si consuma un determinato alimento: ecco di che cosa si tratta, scopriamolo insieme.
Avere il colesterolo è normale, in quanto è un tipo di grasso che viene prodotto dal fegato ed è necessario per regolare una serie di funzioni organiche. Ciò che non è normale è quando viene diagnosticata dal proprio medico una ipercolesterolemia. Il cui trattamento passa da un cambiamento nello stile di vita e di una dieta sana ed equilibrata.

Seguire una dieta sana, ridurre l’assunzione di grassi, smettere di fumare, evitare l’eccesso di peso e fare esercizio fisico moderato e regolare sono solo alcuni punti di partenza da mettere in pratica chi soffre di colesterolo alto. La dieta per prevenire tale patologia si basa su una dieta ricca di frutta e verdura, cereali integrali, legumi, pesce grasso, noci e olio d’oliva.
Via libera a cereali, legumi e vegetali: questi alimenti, infatti, non contengono colesterolo e aiutano a ridurre i livelli di quello in eccesso. I vegetali ricchi di fibre contribuiscono anche a ridurre l’assorbimento del colesterolo alimentare a livello intestinale. In caso di colesterolo alto è bene quindi consumare porzioni normali di cereali, preferendo quelli integrali a quelli lavorati, e di legumi, assumendo questi ultimi almeno 2-4 volte a settimana. Tra i cereali sono pertanto consigliati pane, pasta e riso integrali, ma anche farro, avena e orzo. Largo invece a frutta e vegetali, non dimenticando di inserire nel menu quotidiano 2-3 porzioni di verdure e 2 di frutta.
Tutti questi alimenti forniscono nutrienti essenziali che aiutano a ridurre il colesterolo totale nel sangue. Bisogna invece evitare quegli alimenti che nella loro stessa composizione contengono abbondanti grassi saturi, dannosi per il cuore. Tra gli alimenti che è bene consumare nell’ora di cena c’è un tipo di pesce che è davvero ottimo per chi soffre di tale patologia.

Dieta e colesterolo alto, combattilo a cena con questo pesce
Abbiamo già parlato di un cereale che è un prezioso alleato contro il colesterolo ‘cattivo’. Ma non tutti sanno che un passo importante deve essere fatto anche a cena. Non tutti sanno che esiste un tipo di alimento che può davvero fare la differenza per la nostra salute. Stiamo parlando del pesce palombo. Un cibo che è capace di combattere il colesterolo cattivo e aiuta anche la vista.
Questo alimento è ricco di vitamina A, ma non solo perché ha molte altre proprietà. È uno dei pesci con i livelli di colesterolo più bassi. E quindi potrebbe seriamente dare una mano anche in questa battaglia avendo, tra l’altro, dosi abbastanza importanti di acidi grassi omega 3 semi-essenziali.
Ma c’è di più. Il suo apporto calorico è basso. E se si è a dieta o si sta pensando di rimetterci in forma, questo pesce può davvero essere il giusto alleato. Infatti si presta bene a diverse ricette e quindi possiamo facilmente controllare i chili sulla bilancia senza rinunciare al gusto. L’ideale è proprio quello di consumarlo a cena.
Il pesce è il benvenuto. Il consumo almeno 2 o 3 volte alla settimana è consigliato a chi ha problemi di colesterolo alto grazie alla particolare composizione del suo grasso. Va però ricordato che sono da preferire cotture alla griglia, al cartoccio o al vapore, mentre la frittura è da evitare. Quanto al consumo di molluschi e crostacei, non deve essere superiore a una volta la settimana.
 


© Riproduzione riservata