Benessere Consigli alimentari

Zuccheri nella frutta: mangiarla o evitarla quando si è a dieta?

La frutta soprattutto in estate è nostra alleata e ci aiuta a rimanere in linea, scopriamo quale frutta con pochi zuccheri mangiare se siamo a dieta

Dieta e frutta: mangiarla o evitarla quando si è a dieta?

Zuccheri nella frutta: mangiarla o evitarla quando si è a dieta?
Per l’alimentazione umana, i frutti sono alimenti essenziale perchè apportano una ricca gamma di nutrienti. A finire sul banco degli imputati sono gli zuccheri della frutta. Proprio per la presenza di questi zuccheri, non tutta la frutta è adatta per chi segue una dieta dimagrante. Il consumo di vegetali nella stagione estiva aumenta, non a caso nei nostri articoli sulla dieta estiva e ce ne siamo occupati. Alcuni estremisti addirittura consigliano di eliminare del tutto la frutta dalla nostra tavola. E’ un grave errore! Esistono alcune tipologie povere di zuccheri, ideali da mangiare quando si è a dieta.
La frutta, soprattutto in estate, lo abbiamo già anticipato è nostra alleata e ci aiuta a rimanere in linea, vitali e a mantenerci idratati. Ad essere sotto la lente d’ingrandimento sono gli zuccheri di cui sono costituiti i frutti di un gran numero di specie vegetali: glucosio, fruttosio e saccarosio sono presenti in differenti proporzioni a seconda del frutto considerato, con un contenuto complessivo di queste sostanze che in genere si attesta tra il 5 e il 15% del peso fresco. Quindi quando si è adieta bisogna scegluere la frutta da mangiare

Ma Ecco alcuni esempi di frutta con meno zuccheri da inserire nella nostra dieta.
1.Pompelmo: benefici e proprietà
Un altro ottimo frutto è il pompelmo con i suoi 7 grammi di zucchero ogni 100 grammi di alimento. Povero di calorie ma ricco di antiossidanti, acqua, vitamina C e potassio il pompelmo è l’ideale per spuntini. Inoltre è anche un'importante fonte di vitamina B1, dall’efficace azione protettiva contro le malattie di stagione, come raffreddore e infezioni delle vie respiratorie. Questa vitamina, inoltre, viene ben assorbita grazie agli acidi presenti nel pompelmo stesso. Questo frutto favorisce anche la depurazione, perché è ricco di acqua che stimola la diuresi. Grazie alla presenza della fenilanina e alla ricchezza in termini di fibre, è in grado di aumentare il senso di sazietà e, di conseguenza, aiuta il processo di dimagrimento se inserito, ovviamente, in un regime alimentare sano ed equilibrato.

2.More: benefici e proprietà
Ricche di acido folico e vitamine, le more ottime. Sono diuretiche, depurative e contengono vitamina C e vitamina A oltre che contenere 4,9 grammi di zuccheri ogni 100 grammi di prodotto. Inoltre, sono ricche di minerali, fibre alimentari e antiossidanti. Le more, contengono anche antocianine e flavonoidi, sostanze con proprietà antiossidanti e antinfiammatorie che svolgono anche una significativa azione antitumorale.

3.Kiwi: benefici e proprietà
Ricco di antiossidanti, potassio e fibre il kiwi è un frutto che aiuta anche ad idratare l’organismo. Contiene 9 grammi di zucchero ogni 100 grammi di prodotto. Inoltre è poco calorico, una porzione di kiwi, che corrisponde circa a 200 grammi di prodotto (circa 2 frutti), apporta dalle 44 alle 132 kcal, e rientra negli alimenti dolci, quindi a prevalenza di carboidrati. Gli zuccheri che contiene sono semplici, e sono composti dal fruttosio. I pochi grassi che contiene, invece, sono trigliceridi e il frutto contiene prevalentemente amminoacidi. Il kiwi, inoltre, apporta una buona dose di acido ascorbico (vitamina C). Tra le diverse proprietà per il nostro organismo ricordiamo che: grazie all'elevato apporto di acqua, antiossidanti e di potassio, può essere assunto nella dieta degli sportivi.
Le fibre alimentari, invece, aiutano ad agire in maniera positiva sulla motilità intestinale, prevenendo la stipsi e alcune forme di colon irritabile.

4.Il kiwi, inoltre, apporta diversi sali minerali, vitamine, ferro e antiossidanti. Possiede anche un'azione rinfrescante, dissetante e diuretica, oltre a potenziare le difese immunitarie e a proteggere la parete vascolare.

5.Fragole: benefici e proprietà
Le fragole sono un frutto ipocalorico e ricco di vitamina C, antiossidanti e iodio. Ricche di proprietà benefiche e curative contengono 4,9 grammi di zuccheri ogni 100 grammi di alimento. Inoltre, hanno un bassissimo potere calorico (100 g di fragole contengono circa 27 calorie) ma un alto apporto di acqua (90%), fibre, flavonoidi e zuccheri semplici (fruttosio), contraddistinguendosi anche per la presenza di magnesio, potassio e vitamina C. È stato calcolato che 8 fragole possono contenere più vitamina C di una sola arancia, arrivando ad essere considerate il loro sostituto estivo. Costituite in gran parte da acqua, idratano le cellule del nostro organismo e, grazie al basso potere calorico, aumentano il senso di sazietà senza apporto di grassi. Grazie all'altissima percentuale di acqua, le fragole hanno potere diuretico e depurativo, contrastando la ritenzione idrica e la cellulite. Inoltre, la presenza di potassio svolge una funzione anti ritenzione. Sono ricche di potassio e manganese e con un'alta concentrazione di acido folico ed acido ascorbico, grazie alla presenza della vitamina C. Proprio per questo, le fragole possono vantare proprietà antiaging, anticancerose, antiossidanti, antinfiammatorie ed antivirali. Inoltre, l'alta presenza di vitamina C, utile alla produzione di collagene, aiuta a combatte le rughe e i segni dell'invecchiamento.
Le fragole hanno anche un alto contenuto di fosforo, che rafforza denti e memoria. Ricchissime di calcio, ferro e magnesio, il loro consumo è consigliato a chi soffre di reumatismi e malattie da raffreddamento. L'acido salicilico contenuto nelle fragole è efficace contro la gotta ed aiuta a mantenere sotto controllo la pressione e la fluidità del sangue. Infine, gli antociani presenti in questi frutti attivano il metabolismo e aiutano il dimagrimento, contribuendo all'utilizzo delle scorte di lipidi accumulati nel nostro corpo al fine di produrre energia.

Frutti ricchi di zuccheri
Al contrario, i frutti che contengono più zuccheri sono: uva, banane, cachi, fichi che, se consumati nella porzione giusta, possono avere lo stesso carico glicemico di mela, arancia, pera, ananas.


© Riproduzione riservata