Benessere Dieta del gene magro

Dieta Sirt: come dimagrire con le sirtuine

Piuttosto che elencare gli alimenti da evitare, la dieta Sirt ci dice quali sono gli alimenti da includere nel piano alimentare di tutti i giorni.

Dieta Sirt: come dimagrire con le sirtuine

La dieta Sirt, conosciuta anche come dieta del gene magro, è particolarmente popolare. E' stata ideata da due nutrizionisti: Aidan Goggins e Glenn Matten. Questo successo lo si deve alla cantante Adele che seguendo il programma Sirtfood Diet è riuscita a perdere la bellezza di 30 chili. La curiosità verso questa dieta è alimentata anche dal fatto che non prevede nessuna particolare rinuncia ed anzi promette di far dimagrire senza che dobbiamo privarci di alimenti, quali il cioccolato fondente, che generalmente vengono sacrificati nelle diete per dimagrire.

Come funziona la dieta Sirt
Piuttosto che elencare gli alimenti da evitare, la dieta Sirt ci dice quali sono gli alimenti da includere nel piano alimentare di tutti i giorni. La dieta fondamentalmente consiste nel consumare ogni giorno alcuni alimenti definiti Sirtfood (o cibi Sirt) in quanto contengono le "sirtuine" che hanno la proprietà di stimolare il metabolismo. Secondo gli ideatori di questa dieta queste molecole possono attivarsi praticando dell'attività fisica, col digiuno e consumando cibi Sirt. In particolare gli alimenti Sirt avrebbero un effetto analogo al digiuno e all'attività fisica in quanto aumentano la massa muscolare e bruciano i grassi. L'attività fisica a sua volta è importante perché stimola l'attivazione delle sirtuine. In particolare questi sono i 20 cibi che promuovono il dimagrimento ovvero i cibi Sirt: grano saraceno, peperoncino Bird’s Eyesedano, capperi, cacao, caffè, olio, tè verde, levistico, cavolo riccio, levistico (o sedano di monte), olio extravergine di oliva, datteri Medjoul, radicchio rosso, cipolla rossa, prezzemolo, rucola, curcuma, soia, fragole, noci, vino rosso.

Dieta Sirt: quali alimenti consumare
La dieta prevede il consumo di alimenti quali frutta e verdura, in particolare questi sono maggiormente presenti: radicchio rosso, fragole, cavolo, agrumi, noci e mirtilli. Riguardo ai condimenti va privilegiato l’olio extravergine d’oliva e le spezie, in particolare si fa largo uso di capperi, peperoncino, prezzemolo, curcuma rucola e cipolla rossa.
Il cioccolato purché sia fondente fon all’85%, può consumarsi in porzioni da 15-20 grammi al giorno. Oltre al tè verde, a differenza di altre diete che lo escludono, possiamo concederci anche un buon bicchiere di vino rosso e qualche caffè al giorno.

Dieta Sirt schema delle due fasi
La dieta Sirt si articola in due fasi: la prima detta anche supersonica promette la perdita di 3 chili in 7 giorni, la seconda fase, detta anche di mantenimento, prevede un maggior apporto calorico quotidiano. La prima fase a sua volta prevede che nei primi 3 giorni non si consumino più di 1000 calorie al giorno, mentre nei restanti 4 giorni si arriva a 1500 calorie. I primi 3 giorni sono i più difficili della dieta perchè sono previste solo 1000 calorie e si possono consumare quasi esclusivamente alimenti Sirt. In questa prima fase si consuma un solo pasto solido al giorno e 3 succhi verdi Sirt ovvero frullati e centrifugati con alimenti Sirt. In particolare centrifughe preparate con rucola, sedano, prezzemolo, mela verde, levistico e succo di limone. Il tè verde Matcha lo si utilizza invece solo per preparare i primi due succhi della giornata. Dal quarto giorno di dieta il programma alimentare prevede 1500 calorie giornaliere così suddivise: 2 succhi verdi Sirt e due pasti solidi. E' bene osservare che i due succhi verdi vanno consumati o un'ora prima o due ore dopo il pasto solido. Inoltre il pasto solido non va mai consumato oltre le 19.
Questo può essere un esempio di menù settimanale Sirt: colazione con tè verde matcha e un succo con cavolo, sedano, prezzemolo, rucola, mezza mela verde e mezzo limone. Si tratta di alimenti che stimolano le sirtuine. Il succo verde è da bersi anche a pranzo e metà mattina, a cena possiamo concederci 20 grammi di cioccolato fondente. Questo menù ipocalorico ha la durata di tre giorni, dopodiché a partire dal quarto al settimo giorno possiamo sostituire uno dei pasti principali con uno yogurt greco o se preferiamo con una frittata con pancetta e cicoria oppure ancora merluzzo al forno con verdure.
Conclusa la fase 2 è possibile ripetere il ciclo fino a quando non raggiungiamo il peso ideale.
Nei successivi 14 giorni ha inizio la fase di mantenimento che prevede 3 pasti solidi ogni giorno (si consiglia di consumare prevalentemente alimenti Sirt), in particolare un succo verde al mattino appena svegli oppure mezz'ora prima della colazione e 1 o 2 spuntini Sirt.
Non esistono particolari controindicazioni riguardo questa dieta, tuttavia gli esperti consigliano di seguirla per un breve periodo di tempo perché è un regime dietetico ipocalorico che prevede uno scarso apporto di carboidrati.


© Riproduzione riservata
https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1618911747-3-minauda.jpg