Cronaca Palermo

Armi e ragazzine online: l'indagine siciliana porta a Varese

Il 60enne, accusato di adescare anche bimbe di 10 anni, arrestato perché a casa aveva un arsenale da guerra

Armi e ragazzine online: l'indagine siciliana porta a Varese

 Palermo - La "dritta" della Procura di Palermo era giusta: gli uomini della Polizia Postale di Varese, a seguito di una perquisizione a loro delegata dai pm del capoluogo siciliano, hanno arrestato oggi un 60enne italiano residente nella provincia lombarda, per detenzione di munizionamento da guerra. E' per quest’ultima violazione che l’uomo è stato portato in carcere, l’indagine nei suoi confronti ha però tutt’altra origine: è stata avviata circa sei mesi fa dagli inquirenti palermitani, ma per il reato di pedopornografia, a seguito delle denunce presentate dai genitori di alcune bambine siciliane. Gli investigatori hanno scoperto che il varesino era attivo in Rete da anni, adescando vittime giovanissime, in particolare di età compresa tra i 10 e 12 anni. Nel blitz sarebbero stati sequestrati anche pc e materiale informatico utile a quest'altro filone, in mano ai pm di Palermo.


© Riproduzione riservata