Cronaca Siracusa

Badanti non scomparsi ma giustiziati, sabato i funerali

Un unico indagato dopo 7 anni: il figlio dell’anziano che accudivano, ma mancano le prove

Badanti non scomparsi ma giustiziati, sabato i funerali

 Siracusa – I funerali di Alessandro Sabatino e Luigi Cerreto si terranno sabato 15 maggio a Caserta, città natale dei due giovani spariti nel 2014 in Sicilia e i cui corpi sono stati ritrovati soltanto a fine febbraio scorso. La Procura di Catania, che indaga sul misterioso delitto, ha autorizzato le esequie dissequestrando le salme su cui si sono svolte le autopsie, rivelando la possibilità di un’atroce esecuzione. Ancora nebulosa la vicenda, di cui si è a lungo occupato il programma tv "Chi L'Ha Visto". Alessandro e Luigi, 40 e 23 anni, scomparvero il 12 maggio del 2014 a Siracusa, dove lavoravano come badanti per un anziano.

L'esame autoptico ha svelato che furono uccisi con due colpi di pistola alla nuca, forse storditi con del sonnifero e con i polsi legati da lacci. Un solo uomo è sempre stato accusato dai pm: Giampiero Riccioli, figlio dell'anziano accudito, che però si dichiara innocente. Non ci sono prove sufficienti per incolparlo. Secondo quanto ricostruito dai magistrati, i due collaboratori domestici avrebbero notato all'epoca i maltrattamenti di cui era vittima il padre, puntando il dito proprio contro Riccioli, che lo avrebbe lasciato senza cure e farmaci pur incassandone la pensione. Poco dopo sono spariti e ci sono voluti 7 anni per rintracciarne i resti nel terreno della villa di Riccioli, tuttora indagato per duplice omicidio e occultamento di cadavere.


© Riproduzione riservata