Cronaca Lutto nello sport

Fausto Gresini muore di Covid: l’ex campione di motomondiale aveva 60 anni

Il pilota, due volte iridato nella classe 125, è deceduto dopo due mesi di ricovero

Fausto Gresini muore di Covid: l’ex campione di motomondiale aveva 60 anni

 Bologna - "La notizia che non avremmo mai voluto darvi e che siamo costretti a scrivere. Dopo praticamente due mesi di lotta al Covid, Fausto Gresini ci lascia con 60 anni appena compiuti", si legge in una nota del team Gresini Racing. "Tutta la squadra si stringe intorno alla famiglia, la moglie Nadia e i figli Lorenzo, Luca, Alice e Agnese... e alle innumerevoli persone che hanno avuto l’occasione di conoscerlo e apprezzarlo”. L’ex campione del mondo è deceduto nella notte all'Ospedale Maggiore di Bologna, dov'era ricoverato dal 27 dicembre scorso, per un improvviso peggioramento dell'infezione. Gresini aveva contratto il virus poco prima di Natale e dopo un primo periodo in isolamento domiciliare. Dall'entrata in ospedale è iniziato il suo calvario, fra cure, parentesi di ottimismo, addirittura la raggiunta negatività al Covid, ricadute, qualche videochiamata agli amici, sedazione e quella  che alimentava un clima di ansia.

Fra gli aggiornamenti, provenienti sia da comunicati dell'ospedale sia del team, anche notizie via social: in un post del 10 febbraio il figlio Lorenzo aveva acceso la speranza con un "papà è sveglio, esami e ossigenazione stabili, resta sotto antibiotico e non ha febbre: resta una situazione di gravità e fragilità, ma ci sono segnali positivi". Purtroppo però la polmonite interstiziale ha preso il sopravvento, portando a "insufficienza respiratoria e complicanze che hanno reso il quadro clinico critico", come riporta l'ultimo comunicato dell'ospedale del 18 febbraio. Gresini ha esordito al manubrio nel 1982 correndo sempre nella classe minore del motomondiale, la 125, dove ha vinto 21 gare e due mondiali. Come team manager dell’omonima scuderia, fondata nel '97, ha vinto il titolo iridato della classe 250 tre volte: nel 2001, nel 2010 e nel 2018.


© Riproduzione riservata