Cronaca #IoApro

Folle e ristoranti aperti: da Nord a Sud, nuovi VIDEO in rete

Pochi ma pessimi: titolari e clienti, non si sa chi sia più incosciente

Follia negazionista all’interno del ristorante etnico "La Parilla Mexicana" di corso Sempione, a Milano.

 Per essere certi che di prendere la multa, postano le immagini sul web: poche ma comunque troppe quelle che circolano ancora in queste ore, visto che basta un niente a fra scoppiare un nuovo focolaio e saltare di colore, per chi è ancora giallo o arancione. Il primo video è stato pubblicato domenica sera su Facebook da Martina Francaviglia, proprietaria della Terrazza Caffè, nel mantovano, mentre la polizia inflessibile la multava: “Quando uno Stato abbandona i propri cittadini, violando i diritti fondamentali costituzionalmente garantiti, é destinato ad un triste epilogo – minaccia nel post -. Nonostante le continue sanzioni a noi, al locale e ai clienti continuiamo a rimanere aperti sostenuti da chi ci vuole bene, perché lavorare per mangiare è un nostro diritto!”.

Nel secondo filmato siamo a Bologna, dove gli avventori di una trattoria iniziano a urlare “Libertà, libertà” all’arrivo delle forze dell’ordine. Infine il lungomare di Napoli, con i bar aperti e affollati. Tutti video girati tra domenica e lunedì. I “no lockdown” del Paese si sono dati appuntamento il prossimo 30 gennaio alle 15 in piazza Montecitorio, a Roma, per manifestare contro il governo. Non si sa ancora quale.


© Riproduzione riservata