Cronaca Licata

Il "cacciatore" di migranti, picchiava e rapinava solo loro: arrestato

Il bandito era uno di loro: un marocchino 18enne, identificato grazie a testimoni e videocamere

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/08-08-2022/il-cacciatore-di-migranti-picchiava-e-rapinava-solo-loro-arrestato-500.jpg (foto archivio)

 Licata, Ag - Era diventato l'incubo degli immigrati, in particolare bengalesi e marocchini. Fra corso Umberto e rettifilo Garibaldi a Licata, in provincia di Agrigento, quasi ogni sera - armato di un coltello o del collo di una bottiglia mandata in frantumi - minacciava, percuoteva e si faceva consegnare tutti i soldi che avevano gli stanieri incontrati per caso lungo la sua strada. Fortissimo l'allarme sociale che, di fatto, ha iniziato a serpeggiare fra gli extracomunitari.

Grazie alle testimonianze raccolte e ai filmati di videosorveglianza acquisiti dai carabinieri, il rapinatore è stato identificato, arrestato e portato in carcere. A finire in cella non è stato un italiano ma proprio un migrante, un marocchino 18enne, accusato ora di rapina aggravata, estorsione e lesioni personali. Numerose le rapine messe a segno, a quanto pare sempre e solo contro connazionali o altri immigrati.


© Riproduzione riservata